Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
SAfrica-Rhino

Giornata mondiale del rinoceronte, è boom bracconaggio: 6mila uccisi in 9 anni

Il 2015 è stato l’anno nero per i rinoceronti, con 1.338 esemplari caduti in Africa e Asia per mano dei bracconieri, secondo quanto riportato dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn). Dal 2007, quando le uccisioni furono 13, si è dunque registrata una escalation di violenza che ha portato il bilancio delle vittime a 5.953 in nove anni. Si celebra oggi la sesta giornata mondiale del rinoceronte, ricorrenza che ha come obiettivo quello di salvare le cinque specie ancora viventi di rinoceronte, di cui due sopravvivono in Africa e tre in Asia, per un totale inferiore ai 28mila esemplari. Accanto al contrasto al bracconaggio, lo scopo è perseguito anche con l’allevamento di alcune centinaia di esemplari in Europa. In 78 parchi zoologici del Vecchio Continente si contano 292 esemplari, di cui due, Toby e Benno, vivono nel parco Natura Viva di Bussolengo (Verona) e uno, Freddy, nel Bioparco Zoom vicino a Torino. Il contingente europeo costituisce una riserva genetica preziosa di fronte a quanto accade nell’habitat naturale di questo mammifero. La domanda di corno di Rinoceronte proveniente dall’Asia, infatti, non sembra arrestarsi, e soprattutto in Cina e Vietnam la richiesta non dipende più solo dall’uso del corno nella medicina tradizionale. “Possedere parti di corno impiegato in varie forme sembra ormai diventato uno status symbol delle classi sociali emergenti”, dice Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del parco Natura Viva. “Sul mercato nero assume un valore molto alto e, in queste condizioni, i bracconieri si spingono ad azioni pianificate, dotate di strumenti ad alta tecnologia che stanno determinando una vera e propria guerriglia”. Anche i difensori degli animali affinano le loro tecniche di protezione, microchippando gli animali, installando nei corni delle microtelecamere o addirittura rimuovendo loro i corni stessi, in modo da privarli del bene più “prezioso” che hanno agli occhi dei bracconieri. C’è anche chi pensa che non sia impossibile fermare questa domanda: lo dimostrerebbe il caso del Nepal, dove il bracconaggio è dichiarato sconfitto. Anche Zoom, il bioparco alle porte di Torino, è fortemente impegnato insieme all’associazione Save The Rhino per la salvaguardia dell’animale con attività di sensibilizzazione e raccolta fondi al Parco e azione sul campo, in Namibia e Sudafrica. Il direttore zoologico di Zoom è stato recentemente in Namibia in una riserva al fianco dei ranger e a partire da questa settimana i fondi saranno destinati a una riserva in Sudafrica al confine con il Mozambico, dove i ranger lavorano per contrastare i bracconieri. Secondo i dati diffusi dalla Federazione Internazionale Ranger, nell’ultimo anno sono morti almeno 96 uomini in servizio tra Asia e Africa mentre compivano azioni di contrasto al bracconaggio. (nella foto, due rinoceronti bianchi)