Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
heartofadog

Agenda animale, tutti gli appuntamenti del weekend del 10-11 settembre 2016

Per segnalazioni scrivere una mail a 24zampe@ilsole24ore.com

+++

AL CINEMA CON IL CANE, MILANO, DOMENICA 11 SETTEMBRE 2016

In occasione dell’arrivo al cinema solo per due giorni, il 13 e 14 settembre, di “Heart of a dog”, Laurie Anderson presenta in anteprima il suo film al Teatro Franco Parenti di Milano domenica 11 settembre con due proiezioni, la prima alle ore 19 e la seconda alle ore 21.30, entrambe aperte ai cani e seguite dall’esclusivo incontro con l’artista. Incentrato su Lolabelle – l’adorato rat terrier di Laurie Anderson (insieme nella foto sopra), morto nel 2011 – “Heart of a dog” è un saggio personale che intreccia ricordi di infanzia, video-diari, riflessioni filosofiche sul concetto buddista della vita dopo la morte, oltre a una serie di tributi sinceri e sentiti agli artisti, agli scrittori, ai musicisti e ai pensatori che l’hanno ispirata. Il film, che dura 75 minuti, arriva nelle sale italiane doppiato dalla stessa Laurie Anderson distribuito da Nexo Digital e Cinema srl solo per due giorni, il 13 e 14 settembre (foto sopra, un fotogramma del film e, sotto, la locandina italiana).
heart-of-a-dog-locandina
+++
RICONOSCERE LE IMPRONTE, FORGARIA NEL FRIULI (UD), SABATO 10 E DOMENICA 11 SETTEMBRE 2016
Un corso per riconoscere le tracce lasciate dagli animali durante il loro passaggio. Il 10 e 11 settembre, alla Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino, nel Comune di Forgaria nel Friuli, al via un’interessante iniziativa per identificare impronte di mammiferi, volatili, insetti, rettili o anfibi. Un modo non invasivo per conoscere l’animale e il suo comportamento attraverso i segni che lascia. Il corso, che prevede anche la pratica sul campo (identificazione), è organizzato dalla CyberTracker Italia assieme alla Riserva di Cornino. Sabato 10 settembre si comincerà alle 9. Dopo circa 3 ore di teoria, i partecipanti si sposteranno lungo il fiume Tagliamento, con pranzo al sacco, fino alle 18 circa. Domenica 11 settembre, dalle 9 fino alle 14 circa, pratica sul campo. Il corso sarà tenuto da Toni Romani, dottore in biologia e allevamento della fauna, con specializzazione in nutrizione animale. L’esperto ha preso parte a numerosi progetti di monitoraggio di animali selvatici, sia in Italia che all’estero, e vanta una grande esperienza in fatto di metodi non invasivi. Toni Romani ha fondato il gruppo facebook “CyberTracker Italia”. L’iniziativa è a pagamento. Al termine CyberTracker Italia rilascerà un attestato di partecipazione. Numero massimo di partecipanti: 12 persone (età minima 15 anni). Per informazioni centrovisite@riservacornino.it
</span></figure></a> ????????????????????????????????????
????????????????????????????????????
+++

MUKKI DAY, FIRENZE,

Assaggi, giochi e creatività sono gli ingredienti principali dell’edizione 2016 del ‘Mukki day’, la giornata dedicata alle famiglie in programma domenica 11 settembre dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19 presso la Centrale del latte di Firenze in via dell’Olmatello. Novità di questa edizione del ‘Mukky day’ è il circo contemporaneo, senza animali ma con giocolieri, acrobati, clown, artisti di strada ed equilibristi, a cura di “Cirk Fantastik”. Con gli operatori delle scuole di circo di Firenze i bambini potranno provare le diverse attività in numerosi laboratori e assistere a due spettacoli di artisti di strada, uno alla mattina e uno al pomeriggio. Protagonisti della giornata saranno, come consuetudine, i prodotti Mukki. Non mancheranno le mucche e i loro vitellini e le dimostrazioni della mungitura a cui sarà possibile assistere sia al mattino che al pomeriggio. Per i bambini che hanno una vocazione artistica, Mus.E. offre l’opportunità di partecipare alla mostra collettiva “Mucche d’artista”, realizzando sul posto la propria personale interpretazione della mucca ispirandosi ai grandi artisti del 900. Per chi invece preferisce dare sfogo alla fantasia realizzando un dolce, torna ‘Junior Mukki chef’. Come sempre ci saranno gli amici di Mukki, come la Fondazione Meyer e il banco alimentare della Toscana con un’allegra e colorata presenza o TetraPak con il suo laboratorio sul riciclo dei materiali. Un servizio di bus navetta è attivo durante l’orario di svolgimento della festa.

+++
49047-13tigre-bassa
ZOO DI VETRO, MILANO, FINO AL 25 SETTEMBRE 2016
Esposti per la prima volta, gli animali della collezione Bersellini sono al Museo Civico di Storia Naturale di Milano fino al 25 settembre, in un allestimento originale che affianca le opere artistiche agli animali e agli ambienti già presenti. La Collezione Bersellini è una raccolta molto rappresentativa di opere (fiori e animali) realizzate in vetro di Murano da artisti e designer che sono state figure di riferimento nel panorama artistico internazionale. L’esposizione, promossa e prodotta dal Comune di Milano – Cultura e dal Museo di Storia Naturale di Milano in collaborazione con il Comitato Nazionale Italiano AIHV (Association Internationale pour l’Histoire du Verre), ha il duplice obiettivo di far conoscere la tradizione della lavorazione del vetro artistico muranese e di stimolare un dialogo e delle riflessioni fra il mondo della natura e quello dell’arte. La lavorazione del vetro in Italia (e nel mondo) è molto antica e, per molti secoli, ha rappresentato un settore fondamentale dell’economia. In Italia si è rivelata anche una delle più alte espressioni artistiche: i maestri vetrai muranesi si sono distinti, soprattutto nel corso del XVI secolo, per le loro capacità innovative dal punto di vista tecnologico e per le opere che riuscivano a creare, rendendo Venezia e Murano punti di riferimento internazionale per questo settore. L’allestimento di questa mostra intende quindi stimolare un dialogo immaginario fra gli animali “artistici” e quelli “reali”, offrire al visitatore la possibilità di ammirare i pezzi della Collezione Bersellini e far riflettere sulle forme create dalla natura e dall’arte (nella foto sopra, Tigre di Ercole Barovier, Vetreria Artistica Barovier & C., 1928 circa, 18×33 cm. Sotto, la locandina della mostra).
Animali-di-Murano

+++

BIOWATCHING E BIRDWATCHING, GRAZZANO VISCONTI (PV), WEEKEND E FESTIVI
Tante le idee per conoscere il parco del Castello di Grazzano Visconti (Piacenza) nella stagione estiva: dalle lezioni tematiche di fotografia, per chi è dotato di una reflex multiaccessoriata ma anche per chi possiede un semplice smartphone, alle lezioni naturalistiche di biowatching e birdwatching per osservare uccelli, anfibi, mammiferi e insetti, accompagnati da esperti ornitologi e biologi specializzati. Il parco è visitabile unicamente con visita guidata il sabato (15 – 16:30), la domenica (11:15 – 15 – 16:30) e i giorni festivi.
+++

MOSTRA FOTOGRAFICA, MILANO, FINO AL 1° OTTOBRE 2016

E’ dedicata al pioniere della fotografia Eadweard Muybridge (1830-1904) la mostra “Muybridge Recall”, dal 19 maggio al 1° ottobre nella Galleria del Credito Valtellinese di corso Magenta 59 a Milano. Con i suoi studi fotografici sul movimento di animali e uomini, Muybridge alla fine dell’800 svela fondamenti di biodinamica fino ad allora ignoti, arrivando a influenzare la pittura impressionista. Il fotografo inglese in California dimostra inequivocabilmente che un cavallo in corsa si stacca dal terreno quando le zampe si trovano in posizione raccolta sotto il corpo e non, come erronamente pensato (e dipinto e scolpito) fino ad allora, in condizione di massima apertura. Prosegue la carriera riprendendo altri animali, uccelli, persone, tra cui anche disabili, e inventa lo Zoopraxiscopio, per proiettare le sue immagini in sequenza, antesignano del cinema. La mostra, per la prima volta in Italia, è aperta da martedì a sabato con orari 13.30-19.15, ingresso libero, e chiusa domenica e lunedì, nei festivi e dal 2 agosto al 5 settembre. Per saperne di più, cliccare qui, per vedere una selezione delle foto cliccare qui.

Muybridge_horse

+++

STORIE DI UNA BALENA, FIRENZE, DAL 12 MAGGIO 2016

Una balena preistorica circondata da una ricca fauna fossile, testimonianza della comunità marina che si è venuta a creare attorno al cetaceo adagiatosi sul fondale. E’ la sorpresa offerta a partire dal 12 maggio dal Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze con “Storie di una balena”, nuova sala espositiva permanente all’interno della sezione di Geologia e Paleontologia, già ricca di importanti testimonianze fossili della Toscana. Lo scheletro del cetaceo, risalente al Pliocene e lungo 10 metri, è stato rinvenuto nel 2007 presso Orciano Pisano, in un campo coltivato, alla profondità di appena 50 centimetri. La balena, recuperata nella sua connessione anatomica e restaurata dai paleontologi dell’Ateneo, viene esposta insieme ad altri reperti fossili (mammiferi, pesci e invertebrati) che per lungo tempo hanno ricavato risorse energetiche dalla decomposizione della carcassa. “Per la prima volta in Italia sarà possibile osservare – spiegano i curatori Stefano Dominici ed Elisabetta Cioppi – che cosa è successo in tempi geologici nella comunità marina creatasi alla morte della balena. Vogliamo offrire la sensazione di camminare sul fondo del mare dell’antichità, a 100-150 metri di profondità, grazie anche a un allestimento innovativo, coinvolgente e multimediale, curato dall’architetto Lorenzo Greppi”. Il percorso espositivo presenta, fra l’altro, le varie specie che hanno tratto energia vitale dalla carcassa, anelli della catena alimentare dell’ecosistema: squali, granchi, ricci di mare. E, ancora, gli animali vissuti insieme alla balena: delfini, capodogli, foche, razze e altri pesci, tartarughe marine e uccelli.