Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
PERMITTED USE: This image may be downloaded or is otherwise provided at no charge for one-time use for coverage or promotion of National Geographic magazine dated May 2014 and exclusively in conjunction thereof.  No copying, distribution or archiving permitted.  Sublicensing, sale or resale is prohibited.  
 
REQUIRED CREDIT AND CAPTION: All image uses must bear the copyright notice and be properly credited to the relevant photographer, as shown in this metadata, and must be accompanied by a caption, which makes reference to NGM.  Any uses in which the image appears without proper copyright notice, photographer credit and a caption referencing NGM are subject to paid licensing.   
 
Please note: you may select up to five (5) photos from the selection on the FTP for a gallery on your site.

Mandatory usage requirements:
1. Include mandatory photo credit with each image: © George Steinmetz/National Geographic
2. Show the May cover of National Geographic somewhere in the post (credit: National Geographic)
3. Provide a prominent link to: natgeofood.com near the top of your piece, ahead of the photos
4. Mention that the images are from "the May issue of National Geographic magazine, kicking off an eight-month series on food" or something similar 

At the Nutribras pig farm in Mato Grosso, Brazil, sows are confined to sectioned crates that allow a mother to suckle her piglets without acci­dentally crushing them. Hog farms can be big polluters—the average 200-­pound pig produces 13 pounds of manure a day—but Nutribras recycles waste as fertilizer and methane power.

Petizione contro gli allevamenti intensivi raccoglie più di 85mila firme

Ha già superato le 85mila firme una petizione sul sito Change.org, che si prefigge di arrivare a 150mila, per chiedere la chiusura degli allevamenti intensivi e per intervenire contro l’antibiotico-resistenza. La petizione, lanciata da un singolo cittadino, Filippo Coluccia, è diretta alla ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, e al ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina. “Chiediamo quanto prima la chiusura degli allevamenti intensivi presenti in Italia e di non importare carni e derivati da questo tipo di allevamento – si legge nella petizione -, a favore di realtà più piccole e più rispettose del benessere animale, insieme ad una promozione di diete a base vegetale che incoraggino il consumo di cibi vegetali e scoraggino l’eccessivo consumo di carne e derivati”. “Esistono gli allevamenti intensivi perché vi è una domanda sempre più alta di cibi animali e questo non è più sostenibile da parte dell’ambiente e dall’uomo – prosegue la petizione -. Moltissime e sempre più frequenti sono le malattie del benessere legate ad un’alimentazione ricca di carne e derivati e povera di frutta e verdura”. Inoltre, prosegue il documento “il 70% degli antibiotici prodotti nel mondo finisce negli allevamenti intensivi. Ne abbiamo scritto qui su 24zampe. In quelli avicoli, per esempio, analisi commissionate dall’Unione Europea hanno trovato elevate percentuali di batteri resistenti. Batteri che ritroviamo nel piatto, perché le linee di macellazione non proteggono integralmente dalla contaminazione”. (foto tratta dalla petizione su change.org, qui)

  • Alberto Ronco |

    No alla vita in gabbia !!!

  • MARIKA CROCI |

    SONO D’ACCORDO

  • Annalisa santucci |

    Non se ne può più della cattiveria umana basta

  • Eva |

    Tutti gli animali devono essere rispettati sempre!

  • Federica Romanin |

    basta è ora di chiudere i Lager degli animali

  Post Precedente
Post Successivo