Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Una seconda possibilità per Cloe, il cane che un anno fa ha ucciso una bimba: “Sarà rieducata”

cloe1
Sarà sottoposta a un trattamento rieducativo al canile di Rovereto, gestito da Arcadia Onlus, Cloe, la femmina di pastore tedesco che nel maggio del 2015 azzanna e uccide Astrid, una bimba di 3 anni, a San Martino al Tagliamento, vicino a Pordenone. Per ordine della Procura il cane viene poi messo in isolamento in quanto non adottabile da privati cittadini: solo una struttura specializzata avrebbe potuto procedere con la rieducazione. Martedì scorso Cloe è stata trasferita a Rovereto, sotto la custodia di Pierluigi Raffo, dirigente di Arcadia, che l’ha adottata e che sostiene le spese relative al suo trattamento. Un pool di esperti, tra cui un veterinario comportamentalista venuto appositamente da Sassari, Gabriele Tosciri, la rieducheranno (nelle foto, Cloe in questi giorni di lavoro). “Un approccio etico – spiega Raffo – ci spinge a tentare il recupero della cagna dal punto di vista comportamentale, a darle una seconda possibilità, pur nel completo rispetto della famiglia della bimba che ne è rimasta vittima. Al momento l’animale è stressato, confuso, ansioso: ha bisogno di essere capito e reinserito in un contesto”. Il cane, nel periodo trascorso in isolamento in un canile di Pordenone, non ha mai dato segni di comportamenti pericolosi ma non ha nemmeno trascorso una vacanza: “Cloe si è mangiata la coda per lo stress, durante quei mesi da sola” dice il suo nuovo proprietario. “Ora va tentato un percorso di consapevolezza di sè, anche con l’aiuto di altri cani-modello”, ci informa Raffo, che è ottimista: “E’ un cane normale, ansioso ma non aggressivo, di fronte alle persone si dimostra in allerta ma con atteggiamento non predatorio”. Proprio quell’atteggiamento che ha probabilmente causato la tragedia di un anno fa: la cagna, che non aveva mai dimostrato aggressività, con un unico morso alla giugulare uccide nel giardino della zia la piccola Astrid. Inutili i tentativi di soccorso degli infermieri del 118 e del personale medico dell’ospedale Santa Maria degli Angeli di Pordenone: le ferite erano troppo gravi e la bambina non ce l’ha fatta.
cloe2
  • Guido Minciotti |

    Grazie della precisazione, Giovanni. Nel post c’era scritto che era stata adottata da Raffo, ora ho specificato che ne sostiene anche le spese del trattamento rieducativo. Grazie a tutti dei commenti e saluti, gm

  • giovanni |

    sono un volontario del parco canile di rovereto e cloe è stata adottata da un privato cittadino che sosterrà tutte le spese di mantenimento e rieducazione. nessuna spesa per i contribuenti, state tranquilli

  • Mirko |

    lo portano in Trentino e chiamano un esperto dalla Sardegna ……un ragionamento che non fa una piega €€€ ….evidentemente il Trentino che ospita tutti, non offre esperti in cinofilia ………..povero cane ha sbagliato una volta e ora il suo “””recupero””” sarà osannato come un successo dell’uomo……………………..povero cane

  • Guido Minciotti |

    E se lo scriveva già Orwell… Grazie del suo commento e di leggere il blog 24zampe, saluti gm

  • Alessandro |

    Tanta comprensione solo perchè è una cagna: fosse stata un serpente sarebbe stata schiacciata, fosse stata una mucca sarebbe stata macellata. Invece per un cane assassino si chiama un esperto da Sassari per la sua “rieducazione” (a spese del contribuente). Come scriveva Orwell: tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri…

  Post Precedente
Post Successivo