Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il ministro Galletti chiarisce la vicenda di Daniza e dei suoi cuccioli

daniza

A un anno e mezzo di distanza dalla morte dell’orsa Daniza in Trentino, per un’overdose dell’anestetico che serviva a catturarla, il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha fatto pervenire la sua risposta scritta all’interrogazione delle senatrici del Pd Silvana Amati, Monica Cirinnà, Manuela Granaiola e Daniela Valentini in merito alla vicenda. L’orsa, dopo aver aggredito un uomo, era stata inseguita per un mese e infine individuata e colpita da un dardo. Ma qualcosa andò storto e morì. Della storia di Daniza ha scritto qui il collega del Sole 24 Ore, Jacopo Giliberto. Le parlamentari chiedevano di sapere se dall’esito dell’autopsia (e ne furono eseguite ben due) emergessero responsabilità sulla dose di narcotico, sulla competenza specifica del personale preposto, sulla tutela dell’orso bruno. E, soprattutto, sulla sorte dei due orsacchiotti di Daniza, di fatto usati come esca per la cattura della madre.

LA RISPOSTA DI GALLETTI

La risposta del ministro chiarisce una storia che per giorni tenne con il fiato sospeso l’opinione pubblica, animalista e non, in un mondo dove ormai anche i candidati alle elezioni si portano dietro come mascotte l’immagine di un orso (è il caso di Gianfranco Mascia, che a Roma ha sfruttato il traino del peluche del famoso cartone animato “Masha e Orso”).

I DUE CUCCIOLI DI ORSO

Ebbene, quanto al destino dei due piccoli, il ministro afferma che il quadro complessivo “pare confermare un buono stato di salute dei cuccioli e soprattutto un comportamento schivo senza contatti con l’uomo”. La relativa incertezza è di per sé considerata un fatto positivo in quanto “in genere si ha un riscontro relativamente rapido nel caso di decesso” e tuttavia “nel corso dell’inverno gli orsi non sono attivi per cui occorrerà a attendere la primavera” per verificare le loro condizioni.

MONITORATI DA SETTEMBRE 2014

“Dal mese di settembre 2014 – riferisce Galletti – i cuccioli di Daniza, completamente autonomi, sono stati oggetto di monitoraggio sul campo da parte della Provincia di Trento, dapprima e fino alla fine di ottobre 2014, con tecniche radiotelemetriche, successivamente, con metodi indiretti. Sono state inoltre intraprese diverse altre iniziative tese a salvaguardarne la libertà e la sopravvivenza (tra cui, confronti e tavoli tecnici con i massimi esperti europei del settore, redazione di linee guida per la gestione dei cuccioli di orso privi della madre, diffusione di depliant informativi, predisposizione di apposita segnaletica stradale luminosa per ridurre i rischi di investimento)”. Insomma, una rete di protezione più ampia possibile.

LA FINE DI DANIZA

E Daniza? Su Internet sono ancora rintracciabili le pagine Facebook dedicate o su Twitter l’hashtag #giustiziaperdaniza, così come è facile recuperare le richieste di dimissioni avanzate nei confronti del presidente della provincia di Trento, Ugo Rossi (e dello stesso ministro) da Carla Rocchi dell’Ente per la protezione degli animali o da Michela Vittoria Brambilla a nome della Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente, per non parlare delle proteste di diverse forze politiche, a cominciare dal M5S. Il ministro Galletti ripercorre tutte le tappe della storia, che è amministrativa ma anche giudiziaria. In sede penale, scrive, la vicenda “si è conclusa con provvedimento di archiviazione del procuratore della Repubblica n. 312/2015 RG. mod. 45 DD. dell’8 maggio 2015. Il giudice ha accolto la richiesta di oblazione da parte del veterinario, che ha pagato un’ammenda di 2.000 euro, con la quale si estingue il reato”.

LA CATENA DELLE RESPONSABILITA’

Quanto alla catena di responsabilità, il presidente della Provincia “può legittimamente adottare” un’ordinanza “contingibile e urgente” in ragione “dell’esistenza di un pericolo concreto per l’incolumità pubblica, al di fuori e indipendentemente delle procedure ordinarie”, come confermato da Tar e Consiglio di Stato. E si colloca “tra le previsioni del Pacobace” ossia il Piano d’azione interregionale per la conservazione dell’orso bruno sulle Alpi centro-orientali. Secondo il Piano “le decisioni per l’attuazione dei provvedimenti previsti per gli orsi problematici e nelle situazioni critiche, sono assunte dall’Amministrazione competente per territorio e materia attraverso la propria struttura preposta alla gestione delle specie selvatiche, che viene così a rivestire il ruolo di Soggetto decisore”. Una vicenda, dunque, che soddisfa pienamente la legge di Murphy: se qualcosa può andar male, lo farà.

  • Sonia |

    Leggo adesso quello che avete scritto sull’uccisione di Daniza. Anche la morte di Kj2 e’ un terribile incidente, non dovuto al fatto che si tratti di panzane al quale non crede nemmeno un bambino per accaparrarsi i milioni dati dall’UE PER GLI ORSI. E anche se fosse tutto vero (ahahaha) l’assassinio non era la soluzione.

  • Guido Minciotti |

    Gentile lettore, agli atti c’è che Daniza ha aggredito un fungaiolo, ho cercato notizie dell’indagine ma forse è ancora in corso e comunque non ho trovato informazioni diverse. Se il Maturi ha dichiarato di essere stato aggredito, fino a prova contraria credo di poter scrivere “l’orsa che ha aggredito un fungaiolo”. Di sicuro non ho trovato scritto ufficialmente da nessuna parte che Daniza è stata uccisa per costruire le piste da sci. Questo lo dice lei. Riguardo al resto, anch’io le auguro maggior fortuna con la siccità: il mio intestino per ora sta benissimo. Grazie di leggere 24zampe, saluti gm

  • STEFANOVER |

    l’orsa Daniza, non ha aggredito proprio nessuno, uno non va di notte durante un temporale a cercare funghi… non scriva inesattezze, Daniza è stata assassinata per limitare il territorio degli orsi, onde poter costruire nuove piste da sci, auguro una enorme siccità a tutto il trentino ed una perenne diarrea a chi scrive menzogne.

  • Guido Minciotti |

    La giustizia ha fatto il suo corso, né più né meno. Grazie di leggere 24zampe, saluti gm

  • Flavia |

    E alla fine se la sono cavata tutti con 2000 euro pagati dal veterinario di turno!! Che meraviglia!

  Post Precedente
Post Successivo