Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
tartaruga_plastica

Tartarughe e uccelli mangiano plastica in mare, e anche il pesce che ci arriva sulla tavola

Più di metà delle tartarughe del mondo e due terzi di alcune specie di uccelli lungo la costa orientale dell’Australia hanno ingerito plastica. Secondo uno studio dell’ente australiano di ricerca Csiro sull’impatto dell’inquinamento del mare sulla fauna, le proiezioni correnti indicano che per la metà del secolo circa il 95% di tutti gli uccelli marini avranno plastica nell’organismo. E, come è logico, molte delle tossine e delle sostanze chimiche contenute nella plastica presente in mare sono assorbite nel tessuto dei pesci, che a loro volta finiscono sulla tavola delle famiglie. “Gli uccelli sono in cima nella scala dei predatori e danno un’indicazione molto buona della salute dell’ecosistema nei nostri oceani”, scrive sul sito del Csiro la ricercatrice di biodiversità e impatto ambientale Denise Hardesty (nella foto sotto mentre “lancia” un drone utilizzato per controllare la presenza di rifiuti plastici sulle spiagge e, più sotto ancora, un uccello circondato da inquinanti, dal sito Csiro). “E’ chiaramente un problema che sta attirando sempre maggiore attenzione globale”, aggiunge, ricordando che la minaccia del crescente inquinamento marino è stata discussa poche settimane fa per la prima volta in un workshop del gruppo delle nazioni G20. Hardesty e i suoi collaboratori hanno sviluppato tecniche avanzate per individuare la materia plastica nell’organismo degli uccelli. Queste includono tamponi di campionatura che possono identificare sostanze chimiche plasticizzanti nell’olio che gli uccelli producono per impermeabilizzare le ali. Gli effetti fisici sugli uccelli marini che consumano plastica includono occlusioni intestinali e anche la morte. Quelli che sopravvivono, tipicamente subiscono una riduzione del volume di stomaco disponibile, il che porta a riduzione di peso. Infine, la plastica è correlata con sostanze organiche inquinanti che colpiscono ulteriormente le popolazioni di uccelli. La ong Greenpeace ha lanciato la campagna “Ban the bag” per informare sui pericoli della dispersione dei sacchetti di plastica nell’ambiente e una petizione, qui, per spingere consumatori e produttori a vietarne l’utilizzo (ultima foto sotto).

denise-hardesty

</span></figure></a> OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

copyright_troy_mayne

  • patrizia |

    quello che ancora mi colpisce è che per interessare alcuni bisogna coinvolgerli direttamente facendogli vedere che il problema li riguarda in prima persona dal punto di vista della salute o altro
    Come se la sorte delle altre specie animali su questa terra non fosse affar loro Bene il mio non vuole essere uno sprono morale perché credo che non si possa aumentare la sensibilità O senti o no
    Però inviterei queste persone a riflettere che siamo tutti collegati Il famoso ciclo biologico…e dove basta togliere una pulce per sconvolgerne l’equilibrio dell’intero sistema e a subirne le conseguenze saranno tutti gli animali… compresi noi…

  • Dorian |

    La verità è che le grandi potenze lo sanno benissimo che succede, ma purtroppo per noi , gli considerano solo affari …

  • Nicole |

    Non è bello vedere queste cose

  • Dario |

    Ci stiamo uccidendo con le nostre mani, non si può più tollerare, salviamo il mondo prima che sia troppo tardi. Coraggio regnanti del mondo datevi una mossa!

  • Alba freddi |

    Continuare a dare informazioni è utilissimo a migliorare il mondo

  Post Precedente
Post Successivo