Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
A view shows a statue of the Alabay dog in Ashgabat, Turkmenistan November 10, 2020. Picture taken November 10, 2020. REUTERS/Vyacheslav Sarkisyan

In Turkmenistan statua d’oro per il cane preferito dal presidente

Il presidente del Turkmenistan, Gurbanguly Berdymukhamedov, ha inaugurato una statua d’oro alta sei metri che ritrae un esemplare della sua razza di cani preferita, l’alabai turkmeno o pastore dell’Asia centrale. Lo riporta la Bbc. L’opera poggia su un enorme piedistallo a led sul quale scorrono immagini del cane in varie situazioni. L’anno scorso alla stessa razza di cani Berdymukhamedov ha dedicato un libro. Non è chiaro quanto sia costata l’opera che è stata collocata in un quartiere residenziale

abitato principalmente da funzionari statali.

E’ UNO DEI PAESE PIU’ POVERI AL MONDO

Il Turkmenistan è uno dei Paesi più poveri al mondo e, secondo la classifica di Reporters sans frontieres, la sua popolazione tra le meno libere, persino meno della Corea del Nord. Il presidente turkmeno non è nuovo a gesti eclatanti. Nel 2015 si fece costruire un monumento a cavallo, sempre in oro, e nel 2017 regalò un cucciolo di aladi al presidente russo Vladimir Putin. Un momento il cui video divenne virale sul web perche’ Berdymukhamedov prese il cagnolino per il collo e lo tenne sospeso in aria (video sotto) prima di donarlo al leader russo. (Ansa, foto Reuters)

Su 24zampe: Putin in visita a Belgrado riceve in regalo un cucciolo di Sarplaninac

  • Maria Pia |

    Come può il presidente di uno dei paesi più poveri del mondo avere come priorità erigere una statua (placcata, spero ma comunque costosa) d’oro ad un cane e lasciare il proprio popolo, grazie al quale si trova lì, nell’indigenza? Con tutto l’amore e il rispetto che ho per i cani, questo presidente avrebbe potuto accontentarsi di mettere una foto di questi sulla scrivania, come tutti e pensare a distribuire meglio i soldi dei contribuenti. Un po’ di buon senso è merce sempre più rara…

  Post Precedente
Post Successivo