Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
brambilla_berlusconi2

Berlusconi: negli allevamenti intensivi una “vita-non vita” per gli animali

“Farò un codice dei diritti degli animali, che devono essere tutelati”. Parola di Silvio Berlusconi, che fa progetti politici ospite della prossima puntata di “Dalla parte degli animali”, la trasmissione ideata a condotta dalla deputata di Forza Italia Michela Vittoria Brambilla, in onda ogni domenica alle 10.50 su Rete4. Oltre a raccontare qualche scena di vita familiare con i cani che popolano la sua villa di Casatenovo, in Brianza (Dudù, Dudina, Peter, Trilli, Wendy, Harley, Rambo, Marilyn e Ginny, che “dormono in camera, si svegliano con me, fanno colazione con me”), l’ex premier e ancora a capo di Forza Italia parla della sua “passione” per gli amici a quattro zampe domestici ma anche della condizione degli animali allevati.

“NEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI UNA VITA-NON VITA PER GLI ANIMALI”

“Gli animali – ricorda Berlusconi – sono esseri senzienti, non cose. Per dare concreta attuazione a questo principio, sancito a livello europeo, si deve affermarlo anche nella nostra Costituzione. Meritano di essere tutelati tutti gli animali, compresi quelli destinati all’alimentazione umana. Oggi milioni di animali vivono una vita-non vita negli allevamenti intensivi e fino a qualche tempo fa se ne curavano in pochi. Ma la sensibilità è mutata, e anch’io credo che si debba superare il sistema delle gabbie“.

berlusconi_brambilla

“IL RANDAGISMO E’ UNA VERGOGNA, VANNO AGEVOLATE LE ADOZIONI”

Per Berlusconi il randagismo “è una vergogna che dobbiamo lasciarci alle spalle. Il passo più importante è agevolare le adozioni e rendere più facile la vita dei proprietari di animali, sui quali pesano un ingiustificabile carico fiscale così come divieti anacronistici di accedere in luoghi pubblici. L’affetto degli amici a quattro zampe vuol dire molto per le famiglie che li ospitano e che devono essere aiutate”. “Sono felice di aver preso in canile molti dei cani che vivono con me o che ho regalato ai miei familiari – ha concluso l’ex premier -. Un cane adottato ti darà un amore ancora più grande, perché ‘sa’ che l’hai salvato”.

GLI ALTRI ARGOMENTI DELLA PUNTATA DI DOMENICA 24 MARZO

Nella puntata di domattina un servizio sarà dedicato alle api, insetti che hanno un ruolo fondamentale nel nostri ecosistema e che oggi soffrono molto e sono diminuite di numero a causa dei pesticidi impiegati in agricoltura. Un altro ci parlerà di una “cucciolata” di topolini di campagna che rischiavano di morire per il freddo e per la fame. Un animo sensibile li ha trovati e portati a casa, dove la madre del soccorritore, come racconta lei stessa, “li sta allevando”. Poi, come sempre, ci saranno i tanti animali abbandonati “in cerca di una nuova chance”, sempre protagonisti della trasmissione di Rete4. Qui sotto il video promo.

  • Dario |

    Certo che si…

  • Guido Minciotti |

    Le accuse di razzismo a BB non le ha mosse 24zampe ma il prefetto di Reunion e persino un ministro francese. Vabbè, ci siamo capiti. Saluti gm

  • Dario |

    Le esagerazioni non devono offuscare le giuste ragioni.
    …devono essere “buttati” in una cella per un giusto tempo…e nel contempo essere aiutati a capire che la sofferenza non é solo umana.
    Insisto nel dire che l’empatia dovrebbe essere materia di studio in ogni ordine e grado. Non si smette mai di apprenderla, l’abbiamo tutti va solo coltivata e ricordata.
    Dunque non critichi BB ma solo i sedicenti animalisti che a volte predicano bene e poi razzolano male. Ma certo tra costoro non va annoverata la nostra BB.

  • Guido Minciotti |

    Caro Dario, mi riferisco a tutte le volte che sedicenti animalisti mi hanno scritto “quelli che fanno del male agli animali devono essere buttati in una cella di cui si getta via la chiave” quando non “devono morire tra le sofferenze più atroci”. Ciao gm

  • Dario |

    Guido fammi capire, in
    Merito alla vicenda B.B, cosa vuol dire “in nome della difesa dei diritti degli animali se ne calpestano altri” ? Si calpesta il diritto a sacrificarli? Vale a dire che il sacrificio orrendo , anacronistico, amorale di un animake per ragioni di cui faccio a meno di aggettivate è un DIRITTO? ma forse ho capito male, vero?

  Post Precedente
Post Successivo