Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
lundivert

La Francia lancia (e critica) il “lundi vert” senza carne nè pesce

Fa discutere il “lundi vert” francese. Dopo che più di 500 personalità due giorni fa hanno lanciato in Francia un appello a instaurare un “lunedì verde”, cioè il primo giorno della settimana di dieta senza carne e senza pesce, sono arrivate le proteste di chi bolla la battaglia come elitaria. Se l’iniziativa si propone di proteggere (se non di salvare) il pianeta, gli animali e anche la salute umana – perchè produrre carne implica un aumento dei consumi di acqua molto superiori alla produzione di verdura e frutta -, d’altro canto c’è una fetta di società che ritiene illegittima la chiamata al boicottaggio di una fetta tanto significativa di economia di mercato. I 500 firmatari dell’appello contro carne e pesce di lunedì – artisti, intellettuali, ambientalisti – ricordano che in Francia il 99% dei conigli, il 95% dei maiali, il 90% dei vitelli e l’82% dei polli sono allevati intensivamente e che la carne consumata qui viene nutrita con soja proveniente dalla deforestazione dell’Amazzonia. Invece molti agricoltori, pescatori, commercianti, politici, artigiani e persino macellai si sono affrettati a respingere l’iniziativa, ritenendola fuori fase con le urgenze dei francesi e sbilanciata sulla percezione di pochi provilegiati. Inoltre, tra le accuse più ricorrenti ai 500, c’è quella della “pagella della sostenibilità” che possono esibire: molti di loro viaggiano tra la Francia e gli Usa in aereo tre volte al mese – li si accusa sui social network – e la loro “carbon footprint” (o “bilan carbone”, come si chiama in francese) è disastrosa. Dice un agricoltore al Figaro: “Ho calcolato che produrre un chilo di carne con le mie vacche emette 7 kg di CO2 equivalente mentre un solo viaggio a/r alle Maldive o a Reunion ne genera 3,5 tonnellate. Come una bistecca al giorno… ma per dieci anni!”. Il sito dei sostenitori del “lundi vert” è qui.

  • Gianni |

    Ma hanno paura di morire rinunciando un giorno alla settimana a carne e pesce?? Ridicoli i detrattori di questa iniziativa.

  Post Precedente
Post Successivo