Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cane_botti

Lav ai Comuni: botti di Capodanno pericolosi per gli animali, vietateli

Emanare un provvedimento che vieti l’utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici di ogni genere su tutto il territorio comunale: questa è la richiesta di Lav ai Comuni che non lo avessero fatto, affinché i festeggiamenti di Capodanno non si traducano in una tragedia per gli animali e per le persone. Il fragore dei botti, infatti, spiega l’associazione, scatena negli animali una naturale reazione di spavento e li porta frequentemente a perdere l’orientamento, esponendoli così al rischio di smarrimento e/o investimento. In caso poi di esplosioni a ridosso dell’animale, sia d’affezione che selvatico, vagante o di proprietà, le conseguenze possono essere molto più drammatiche, causandone spesso il ferimento o la morte per ustioni e bruciature. Purtroppo, i botti di Capodanno non saranno vietati in tutte le città italiane. Anche se alcuni Comuni hanno vietato petardi e fuochi d’artificio, sono ancora tanti quelli che ancora non hanno fatto nulla per salvaguardare animali domestici e selvatici. Ecco alcuni consigli utili per proteggere gli animali che vivono nelle nostre case:

  1. Consultare con anticipo il veterinario di fiducia per individuare soluzioni idonee a evitare o ridurre manifestazioni di paura o di panico dell’animale
  2. Dotare cani e gatti di microchip e di medaglietta recante un recapito telefonico
  3. Tenere sempre il cane a guinzaglio nei giorni “caldi”
  4. Non tenere i cani legati alla catena, potrebbero strangolarsi
  5. Programmare una passeggiata diurna e una uscita veloce all’imbrunire prima che inizino i festeggiamenti
  6. Tenere, durante i botti, cani e gatti all’interno dell’abitazione con le finestre chiuse e non lasciare animali di alcun tipo su terrazzi e balconi, nemmeno se sono in gabbia
  7. Chiudere bene le imposte delle finestre, gli improvvisi bagliori possono spaventare gli animali
  8. Accendere la TV o utilizzare la musica per coprire o minimizzare il rumore dei botti
  9. Lasciare che l’animale, all’interno della casa, scelga un “rifugio” confortevole e non lasciarlo mai da solo
  10. Dimostrare un atteggiamento sereno, se il cane vi cerca proporgli qualche giochino o attività piacevole senza insistere.
  • Lucilla |

    Io da anni combatto senza alcun esito positivo. Il comune nella provincia di Reggio Emilia (4.000 abitanti più o meno), in questa occasione si trasforma in una degenerazione. Botti spaventosi, che si susseguono senza logica e senza alcune regola di civiltà per lunghissimi minuti. Io ogni anno passo per la pazza del quartiere imprecando e maledicendo. Servisse almeno a qualcosa.

  • Adriana |

    Vietate i botti

  • Alice |

    Usanza troglodita, da paese sottosviluppato. E gli animali devono morire di crepacuore perchè qualche “sottosviluppato” non sa come divertirsi in altro modo? Ma non scherzate, fermate questa vergogna definitivamente.

  • Gianni |

    Sono d’accordo, vietarli ovunque sarebbe un primo passo ma non basterebbe comunque. I cretini abbondano e se ne fregano dei “divieti”. Urge un piano contro la vendita di questi oggetti schifosi e dannosi per animali, bambini, anziani, etc. etc.

  Post Precedente
Post Successivo