Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cuccia_ford

Rifugio antistress per cani: Ford inventa la cuccia contro i botti

I fuochi d’artificio per festeggiare l’arrivo del nuovo anno non piacciono proprio a tutti. Lo sanno bene i cani, fedeli amici a quattro zampe che vivono gli spettacoli pirotecnici in maniera non proprio tranquilla. Per aiutarli a passare indenni la notte di San Silvestro, Ford ha realizzato la Noise-Cancelling Kennel, “Cuccia con riduzione attiva del rumore” una speciale cuccia che utilizza una tecnologia simile a quella usata per le auto e per gli auricolari, per proteggere la sensibilità dell’udito canino e consentire ai padroni di non escludere i propri cuccioli dal resto della famiglia, durante i festeggiamenti. Quando i microfoni inseriti all’interno della cuccia intercettano il suono dei fuochi d’artificio, il sistema audio incorporato emette frequenze opposte, che annullano del tutto il rumore o lo riducono significativamente. L’utilizzo del sughero è stato fondamentale per la realizzazione del progetto, poiché si tratta di un materiale dotato di particolari capacità isolanti. Il risultato? Niente più stress per gli animali. Per ora, si tratta solo di un prototipo ma ha il potenziale per diventare una soluzione reale, per un inizio d’anno migliore, sia per i padroni, sia per i loro animali. L’idea è stata ispirata dalla tecnologia Active Noise Control che Ford ha introdotto a bordo di molte delle sue auto tra cui la nuova generazione di Edge, per assicurare viaggi più tranquilli per i guidatori e per i passeggeri. Quando i microfoni avvertono un rumore troppo elevato, causato dal motore o dalle trasmissioni, viene controbilanciato dall’emissione di onde sonore di frequenza opposta dal sistema audio della vettura. (Ansa)

  • Dario |

    Bisognerebbe inventare un modo per mettere un po’ di sale in zucca a chi li usa…
    Per inciso a me danno fastidio tutti i rumori molesti. È incredibile, sembra che non ci si possa divertire senza far rumore…un po’ di silenzio please…

  Post Precedente
Post Successivo