Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Cats crowd the harbour on Aoshima Island in the Ehime prefecture in southern Japan February 25, 2015. An army of cats rules the remote island in southern Japan, curling up in abandoned houses or strutting about in a fishing village that is overrun with felines outnumbering humans six to one. Picture taken February 25, 2015. To match story JAPAN-CATS/    REUTERS/Thomas Peter (JAPAN - Tags: SOCIETY ANIMALS TPX IMAGES OF THE DAY TRAVEL)

Condannato a Bergamo il “killer dei gatti”: al 43enne inflitti 3 anni e mezzo di carcere

E’ stato condannato oggi in tribunale a Bergamo a 3 anni e 6 mesi un uomo di 43 anni, di Trescore Balneario, accusato di maltrattamento e uccisione di animali, in particolare gatti, e per questo ribattezzato “killer dei gatti”. Il giudice ha stabilito anche che al termine della pena l’uomo resti in libertà vigilata per due anni. Il pm aveva chiesto un anno e quattro mesi di reclusione ma il giudice monocratico ha voluto più che raddoppiare la pena. La sentenza di primo grado arriva al termine di un lungo processo, che ha visto le associazioni Enpa, Diritti Animali e Ugda costituirsi parti civili. “Una delle condanne più severe mai inflitte nel nostro paese per il reato di maltrattamento e uccisione di animali”, ha commentato l’avvocato dell’Enpa, Claudia Ricci. L’uomo aveva contattato alcune donne che avevano pubblicato su internet l’annuncio di vendita di alcuni gattini. Dopo averli  ricevuti, li avrebbe torturati e uccisi, inviando poi le fotografie delle torture attraverso WhatsApp. In un’occasione l’immagine del micio torturato è stata accompagnata dalla scritta “Olè”, mentre un’altra volta ha inviato ricette per cucinare l’animale. L’uomo era già stato condannato lo scorso dicembre a 2 anni per stalking.

  • SUSIE SEITZ |

    credo il giudice abbia capito la pericolosità del soggetto per la società mi auguro questo sia un’inizio in salita a diffesa degli animali che troppo spesso sono esposti a maltrattamenti

  Post Precedente
Post Successivo