Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
foxes

Sabato 1° ottobre arriva a Milano la mostra Wildlife Photographer of the Year

Anche quest’anno i milanesi passeranno l’autunno con i maestri della fotografia. Da sabato prossimo, 1 ottobre, al 4 dicembre 2016, torna a Milano la grande mostra Wildlife Photographer of the Year. Le immagini premiate al prestigioso concorso di fotografia naturalistica del 2015, nato nel 1965 e indetto dal Natural History Museum di Londra, tornano negli spazi della Fondazione Luciana Matalon in Foro Buonaparte 67, a due passi dal Castello Sforzesco, come un anno fa. Cento immagini da tutto il mondo, premiate al concorso londinese e già viste da febbraio a giugno a Bard, Aosta (ne abbiamo scritto qui), ma pur sempre una “prima” per Milano. L’esposizione regala un viaggio per immagini, le più straordinarie e uniche nell’immortalare il pianeta in tutte le sue forme in costante evoluzione, dai paesaggi incontaminati, al mondo animale e alle meraviglie della natura. Durante il periodo di esposizione, serate di approfondimento e presentazione di libri con rinomati fotografi di natura si terranno di sabato alla Casa della Cultura alle 21: l’8 ottobre con Ugo Mellone, il 15 ottobre con Marco Urso, il 19 novembre ospite Federico Veronesi e il 26 novembre incontro con Marco Colombo. Preparatissimo naturalista e già vincitore del Wildlife Photographer of the Year nel 2011, Colombo sarà inoltre a disposizione per visite guidate alla mostra presso la Fondazione Matalon, a partire da giovedì 6 ottobre e poi ogni venerdì, con eccezione di giovedì 3 novembre, dalle 19.30 (costo 5 euro). L’esposizione presenta le immagini premiate nelle 20 categorie in gara, a partire dal massimo riconoscimento, il Wildlife Photographer of the Year, assegnato a “A tale of two foxes” di Don Gutoski (Canada) nella categoria Mammiferi (foto sopra). Uno scatto che ritrae una volpe rossa mentre trascina la carcassa di una volpe artica, nel Wapusk National Park in Canada. Scattata dopo tre ore di attesa a 30°C sotto zero, la foto “racconta” una storia attuale: la volpe rossa, con l’aumento delle temperature dovuto al global warming, sconfina nel territorio della cugina artica e riesce a sopraffarla grazie al vantaggio fisico. E così la volpe artica si trova più vicina di prima non solo al suo principale competitor nella caccia ai lemmings ma anche al primo tra i suoi predatori. “Ruffs on display”, la foto di Ondřej Pelánek (Repubblica Ceca, sezione junior 11-14 anni) che mostra la lotta fra due uccelli maschi per l’accoppiamento e in difesa del territorio, è invece vincitrice assoluta del Young Wildlife Photographer of the Year (foto sotto). Non mancano i talenti italiani in concorso e tra questi spicca Ugo Mellone, vincitore nella categoria Invertebrati con la foto “Butterfly in Crystal”, mentre un altro suo scatto, “The Tunnel of Spring”, è stato selezionato come finalista nella categoria Terra. Sono inoltre risultati finalisti Vincenzo Mazza con la foto “Battling the Storm” (Uccelli) e Hugo Wassermann con lo scatto “Ice Design” (Impressioni). Da quest’anno, il visitatore che desidera provare un’esperienza di “realtà virtuale immersiva”, potrà indossare un “oculus” di ultimissima generazione in grado di trasportarlo istantaneamente in affascinanti ambienti naturalistici. Tutte le informazioni qui.

06_© Ondřej Pelánek _Ruffs on display