Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Per una città “a misura di pet” i veterinari di Milano lanciano proposta ai candidati sindaco

urban-dog2

Domenica 5 giugno 2016 si vota per l’elezione del Sindaco di Milano. Per chi si candida a guidare la città, l’Ordine dei Medici Veterinari della provincia di Milano ha una proposta: un programma in sette punti per fare di Milano un luogo di riferimento nella qualità del rapporto tra cittadini e animali. La città conta circa 85mila cani iscritti all’anagrafe canina, cifra che arriva a superare abbondantemente i 100mila “pelosi” secondo le stime che comprendono i non iscritti e i (pochi) randagi, e almeno lo stesso numero di gatti. L’iniziativa ha lo scopo di evidenziare alcuni problemi esistenti sul territorio milanese e di valorizzare la cultura del rapporto sano e consapevole con gli animali come indicatore di civiltà. I sette punti, che vanno dalla creazione di una “mutua per gli animali” ai corsi per il patentino e al rilancio dell’ippica, sono questi.

1. Nuovo regolamento comunale, più snello e moderno, focalizzato sugli aspetti salienti della civile convivenza tra uomo e animali e della tutela del loro benessere.

2. Medicina veterinaria di base in convenzione per le fasce economicamente più deboli, attraverso la creazione di un fondo gestito da una Onlus, i cui fondatori potrebbero essere l’Ordine e il Comune, che coprirà prestazioni di medici veterinari liberi professionisti convenzionati a favore di animali i cui i proprietari abbiano diritto di accesso al fondo.

3. Attività di promozione e sensibilizzazione nelle scuole e con i cittadini.

4. Formazione sulla corretta e responsabile detenzione dei cani (patentino) con corsi, erogabili dal Comune, dalla Asl e dai medici veterinari liberi professionisti.

5. Convenzione con medici veterinari liberi professionisti per il soccorso di animali feriti, per dare piena attuazione alle norme del nuovo Codice della strada.

6. Il rilancio degli ippodromi milanesi, come luoghi di svago e intrattenimento per rilanciare la cultura del rapporto tra uomo e cavallo e per valorizzare i luoghi dell’ippica.

7. Costituzione di un tavolo tecnico permanente con ruolo di consulenza e consultazione tra medici veterinari di sanità pubblica e privata, Ufficio Diritti Animali, rappresentanti delle associazioni protezionistiche e cittadini.

“La nostra proposta è trasversale a tutti i candidati – spiega Carla Bernasconi, Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Milano – perché riteniamo che l’attenzione verso gli animali sia un indice importante di civiltà, che prescinde da qualsiasi orientamento politico. Il prossimo Sindaco di Milano potrà contare sul nostro supporto per sviluppare nel corso del mandato ciò che proponiamo e auspichiamo.”