Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

“Sono in aumento le tigri selvatiche, è la prima volta da secoli”, dice il Wwf

(FILES) In this photograph taken on December 21, 2014, a Royal Bengal Tiger pauses as it walks through a jungle clearing in Kaziranga National Park, some 280kms east of Guwahati. The number of wild tigers across the globe has increased for the first time in a century thanks to improved conservation efforts, wildlife groups said on April 11. Data compiled by the WWF and the Global Tiger Forum show that the global population of wild tigers has risen to an estimated 3,890 from an all-time low of 3,200 in 2010.  / AFP PHOTO / STR

Aumenta il numero di tigri allo stato brado per la prima volta dopo secoli: secondo l’ultimo censimento diffuso dal Wwf e dal Global Tiger Forum (GTF), nel mondo ci sono 3.890 esemplari di questi grandi felini, di cui oltre la metà in India. Nel 2010 erano 3.200. I dati sono stati pubblicati a Nuova Delhi. “È la prima volta in oltre cento anni che la popolazione mondiale di tigri è in aumento”, spiega S P Yadav, vicesegretario generale del GTF, al sito NewIndianExpress. I dati, spiega il Wwf, sono stati elaborati a partire dalle cifre fornite dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn) e da censimenti locali fatti da singoli Paesi. L’incremento, aggiunge l’associazione, può essere dovuto a diversi fattori: dagli sforzi di conservazione alla crescita delle popolazioni in particolare in India, Russia, Nepal e Bhutan. L’aumento, spiega Marco Lambertini, direttore generale di WWF International, “ci dà grande speranza e ci mostra che possiamo salvare le specie e i loro habitat quando i governi, le comunità locali e i responsabili della conservazione lavorano insieme”. Con oltre 2.200 tigri, l’India è il Paese con la maggiore presenza di animali allo stato brado, seguita dalla Russia con 433 esemplari e dall’Indonesia con 371. In prima linea tra gli attivisti anche Leonardo DiCaprio: le tigri, dice in una nota, “sono uno degli animali più vitali e amati del globo”. La conferenza ministeriale indiana, aperta dal primo ministro Narendra Modi, si inserisce nel processo della Global Tiger Initiative iniziato nel 2010 con il summit russo dei Paesi interessati, nel quale è stato fissato l’obiettivo “Tx2”, cioè il raddoppio degli esemplari entro il 2022.