Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Stasera su Rai3 un’inchiesta di Report sul cibo per animali: “Troppa trippa”

Tra le nuove inchieste in onda stasera nella puntata di Report delle 21.45 su Rai3, ce n’è una incentrata sugli animali: “Troppa trippa”, visibile a questo link. L’indagine di Sabina Giannini prende l’avvio dai 128 milioni di euro spesi in Italia solo per snack per cani e gatti. Nulla, però, rispetto al miliardo e 800 milioni che spendono i 14 milioni di proprietari di animali da compagnia (nel grafico, i dati relativi ai pet e al petcare in Italia).Assalco - Infografica Mercato Italia 50 Un settore che non soffre la crisi dei consumi e che è in costante crescita, anche grazie a straordinarie operazioni di marketing, a una normativa a maglie larghe che consente etichettature troppo generiche e all’utilizzo di materie prime che non rispondono agli stessi criteri di quelle certamente più sicure per l’alimentazione umana, i cui avanzi vengono buttati in pattumiera. Avanzi del valore di otto miliardi di euro, non pochi. L’inchiesta cerca di fare luce su un settore poco trasparente: tutte le aziende produttrici contattate, in Italia, Europa e Stati Uniti, hanno rifiutato di mostrare gli stabilimenti, così come i loro fornitori di scarti di macellazione e farine di carne. Infine l’ultima novita’ del mercato che vede in competizione le multinazionali: le diete a supporto delle patologie che colpiscono cani e gatti. Alimenti molto costosi che suscitano dubbi.
  • federico |

    apposto.. adesso nessuna compra piu crocchette ecc ecc… daltronde da quando l’OCSE ha detto che la carne rossa è cancerogena siamo tutti diventati vegetariani, chi vegano.. siamo un pò ridicoli… ah a proposito.. perchè non fanno un report in cui venga inserito la vita del prodotto biologico?? magari la gente smette di prendere questi finti prodotti.

  • Angela |

    I veterinari non consigliano la dieta casalinga perche tale dieta è ottima ma solo se attentamente bilanciata e fatta con la massima cura ed il supporto di integratori nelle giuste dosi, ossia previa formulazione da parte di un medico veterinario specializzato in nutrizione. La gente nel sentire ‘dieta casalinga’ interpreta tutt’altro e cosi essa passa da essere la dieta migliore ad essere la peggiore in assoluto , report ha passato un messaggio pericoloso .non ho mai conosciuto un proprietario che usasse una vera e corretta dieta casalinga. È molto più pericolosa una dieta casalinga errata di un sacco di Croccantini della royal. Ritengo più preoccupante il fatto che il popolo si fidi più della voce dei media che di quella dei medici.

  • Claudia |

    Buonasera, era finalmente ora che si parlasse di questo argomento, i nostri compagni di vita devono avere il meglio, visto la loro breve vita! È una vergogna che i veterinari, non consigliano mai la dieta casalinga, sapendo le schifezze che ci sono nelle croccette! Grazie per averne parlato, anche se ci sono tanti altri problemi, come ha detto la Gabbianelli ieri sera! Complimenti per la trasmissione!
    Claudia

  • Ramona |

    Oltre al fatto Che nelle crocchette ci sono agenti cancerogeni e gia’ questo e’ pazzesco, ci rendiamo conto Della atrocita’ Che subiscono questi poveri animali costretti a testare l’effetto di queste maledette crocchette? Vengono vivisezionati! Perche’ nessuno commenta questo aspetto? Forse perche’ I nostri Cani devono essere tutelati mentre per Gil Altri chi se ne frega!?

  • lorella |

    Finalmente qualcuno che ci ha aperto gli occhi. Fino ad ora questi oscuri imbroglioni ci hanno solo aperto il portafogli.E pensare che bastava la pappa casalinga per risolvere problemi di salute e risparmiare in termini economici.

  Post Precedente
Post Successivo