Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Canada, disseta i maiali da macellare: attivista di “Toronto Pig Save” rischia 10 anni di carcere

AGGIORNAMENTO DEL 27 OTTOBRE 2016
Il sito del quotidiano britannico Guardian riporta oggi sull’edizione online (https://www.theguardian.com/commentisfree/2016/oct/27/animal-welfare-water-thirsty-pigs-dogs?CMP=share_btn_tw) un articolo di Anita Krajnc (nella foto sotto) in cui spiega di essere attualmente a processo in Canada per aver dissetato i maiali diretti al macello alla periferia di Toronto. “Se fossero stati cani, sarei un’eroina – dice – eppure i maiali non sono meno intelligenti, leali verso l’uomo e dotati di sensibilità e percezione di sè”.
Anita_Krajnc_-_animal_rights_activist___Gallery
+++
POST ORIGINALE
Rischia fino a 10 anni di carcere Anita Krajnc, attivista di 48 anni, che il 22 giugno scorso a Toronto, si avvicinò a un camion che trasportava maiali al macello, per poter dare loro dell’acqua. Per la legge canadese, gli animali da macellazione, sono considerati proprietà. I viaggi verso il mattatoio possono durare anche 36 ore e agli animali non vengono forniti nè cibo, nè acqua.
Nel video filmato da Kranjc, co-fondatrice del gruppo animalista “Toronto Pig Save” (nella foto, la celebre immagine di Jo-Anne McArthur “Pig going to slaughter  – Canada”) si vedono, dentro il camion, i maiali stipati e con la bava alla bocca, stremati per il caldo e il terrificante viaggio.Pig Going to Slaughter - Canada Il video è visibile qui.
L’autista, Eric Van Boekel, intima alla donna di non gettare liquidi nel camion, e lei risponde che è solo acqua. L’uomo poi le grida: “Loro non sono umani, stupida ragazza!”. Il giorno dopo l’accaduto ha sporto denuncia alla polizia. Ora Kranjc è accusata di aver spruzzato del liquido sconosciuto nel camion e secondo i media canadesi potrebbe anche rischiare una multa di 5mila dollari. L’animalista ha già ricevuto sui social media il sostegno di moltissime associazioni animaliste, ma non solo, che ritengono un’assurdità la denuncia penale.
Di Toronto Pig Save si è occupata la fotografa Jo-Anne McArthur, che ha illustrato l’attività degli animalisti dell’associazione. Ne abbiamo parlato qui su 24zampe, quando è arrivata in Italia la sua mostra “We Animals – Noi Animali”. Nato sulle strade della città canadese che conducono al mattatoio dove si uccidono seimila maiali al giorno, Toronto Pig Save è un movimento i cui volontari si sono prefissi di portare un ultimo conforto agli animali da bere ai maiali in viaggio verso la morte e da mangiare – panini con porchetta vegetale – agli autisti dei camion. Ma questa volta non è andata così…
  • paolo ochi |

    Condivido l azione benevola della attivista non condivido delle leggi vecchie e retrograde sono da eliminare siamo nel 2015 cerchiamo di tutelare di più questi poveri animali

  Post Precedente
Post Successivo