Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Per i veterinari troppi antibiotici nei nostri allevamenti: “Italia seconda solo alla Grecia”

Dalla Sars all’aviaria, dalla mucca pazza all’influenza suina, il 75% degli agenti infettivi ‘emergenti’ che minacciano la salute dell’uomo derivano da animali. Per questo la salute degli uni ha conseguenze importante sugli altri, anche perché strettamente collegata a uno dei maggiori problemi di sanità pubblica, la resistenza agli antibiotici. E’ quanto emerso al convegno “Food Safety e Food Security: scenari futuri e ineludibile evoluzione della prevenzione primaria”, organizzato dalla Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva (SIMeVeP) e dall’Istituto Superiore di Sanità.
“Le malattie dell’uomo generate dagli alimenti – ha affermato Aldo Grasselli, presidente SIMeVeP – sono in aumento e i livelli di prevenzione e protezione dei consumatori devono essere costantemente adeguati ai rischi”. Per farlo, servono risorse da destinare alla ricerca, alla formazione e alla comunicazione sulla sicurezza alimentare e, sottolinea Grasselli, “una gestione che sappia comprendere gli effetti moltiplicatori della catena alimentare, il fitto reticolo di interconnessioni esistenti”. Un ‘approccio olistico’ è necessario, ad esempio, per fronteggiare la sempre più frequente resistenza dei germi agli antibiotici che, in Europa, causa la morte di 25mila persone l’anno.
“Un fenomeno preoccupante – sottolinea Carlo Signorelli, presidente della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) – a cui hanno contribuito sia le prescrizioni inappropriate da parte dei medici, sia l’eccessivo utilizzo di antibiotici negli allevamenti animali. I due fattori hanno fatto guadagnare all’Italia il secondo posto in Europa, dopo la Grecia, per antibioticoresistenza (dati ECDC)”. Per questo, conclude, è “importante sviluppare il concetto di ‘One health’, ovvero unire le forze di chi si occupa di questioni mediche, veterinarie e ambientali”. (Ansa)
  • antonio tranquilli |

    E’ questo il tanto sbandierato controllo da parte dei ministri Martina Lorenzin eccc.. ma fatemi il piacere. E ancora… ma come mai Il Sole ha scritto un trafiletto microscopico….La Confindustria, il Padrone?????
    In Svezia i massmedia ne hanno parlato già a settembre a seguito delle rivelazioni delle Nazioni Unite, ma con molta eco e diffusione, dove nella lista l’Italia era quasi la peggiore per uso di antibiotici ai suini ed altri animali. Poi ci lamentiamo delle contraffazioni! Forse sono migliori dei nostri prodotti dop, doc, dgop, docg e chi più ne ha ne metta….

  Post Precedente
Post Successivo