Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Cinghiali, piano shock degli agricoltori: “Altro che cacciatori, contro i cinghiali serve l’esercito”

Serve l’intervento dell’Esercito contro l’invasione della fauna selvatica che sta procurando ingenti danni nelle campagne ma anche nelle strade e nei centri abitati di quasi tutte le regioni italiane, con evidenti problemi di sicurezza. A chiederlo è il presidente nazionale della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Dino Scanavino, nel denunciare che la situazione è ormai fuori controllo e non governata. Gli agricoltori per proteggere i vigneti dagli attacchi degli ungulati – osserva la Cia – costruiscono reticolati con tondini di ferro, che alle volte neanche bastano. Ma soprattutto, non passa un giorno che non si registri uno o più incidenti stradali per gli attraversamenti incontrollati degli animali salvatici.
”Sono anni che denunciamo questo fenomeno che evidentemente è stato sottovalutato dalle Istituzioni – precisa Scanavino – e aldilà di tutti i piani e le azioni che verranno pianificate con il tempo, ora c’è bisogno di un intervento statale immediato”. Il presidente specifica anche che le esigenze degli agricoltori e dei cittadini non sono quelle del mondo venatorio e i due interessi vanno tenuti separati e distinti. ”E’ infatti impensabile affidare il ‘governo’ di una partita così complessa ai cacciatori – conclude Scanavino – perchè in ballo ci sono la sicurezza dei territori, delle aziende e delle persone”. Per gli agricoltori, le carni derivate dal piano di selezione dell’esercito, dopo i dovuti controlli sanitari,  potrebbero essere destinate agli indigenti.
  • Cecco |

    LA carne di selvaggina , ungulati , è inidcatissima per gli anziani e per chi soffre di cuore o dovrebbe mangiare carne bianca ..non avendo grassi , e un sacco di Omega tre e sei al suoi interno …addirittura esami scientifici hanno dimostrato che è PIù
    magra della carne di pollo senza la pelle …

    Gli Agricoltori dovrebbero darsi una calmata , coi danni ..perchè con tutti gli aiuti e finanziamenti a tasso zero che prendono, i danni da selvaggina possono anche prevenirli investendo in recinzioni elettriche , senza aspettare che come al solito i cacciatori coi loro versamenti e lo stato paghino …un imprenditore non agricoltore tutti questi aiuti e finanziamenti a perdere NON li Ha!!!!

    L’esercito farebbe solo più danno distruggendo le classi di età e destrutturando la popolazione , e come conseguenza ci sarebbe solo un aumento dei danni esponenziale ….

    FAte intervenire i cacciatori , abilitati con ordini precisi tutto l’anno come fanno in tutta Europa

  • Antonio Pinna |

    Il segreto esiste già.
    Aprire la caccia all’interno delle
    zone protette e mettere da parte le
    ideologie che nulla di buono hanno
    portato finora.
    SE POI I MOTIVI SONO ALTRI E VOGLIAMO
    RACCONTARE STRONZATE ,
    ALLORA FACCIANO PURE.
    Lasciate stare l’esercito ai compiti
    per cui è nato.
    Saluti

  • Marcello |

    Considerato che x indigenti spesso si indicano gli ospiti delle strutture per anziani(che non possono mangiare selvaggina,per via dei loro problemi cronici) che gli immigrati sono in maggioranza mussulmani e non possono mangiare la carne del cinghiale(maiale),non rimangono molte persone a cui dare la carne,che probabilmente finirebbe nei ristoranti.
    prima la proposta di individuare persone di fiducia a cui far fare gli abbattimenti,(praticamente far diventare i terreni delle riserve private di caccia)ora
    mi sovviene un sospetto legittimo,:si vuole limitare o eliminare i danni,o si sta cercando ,una scusa per fare ulteriore reddito.??

  Post Precedente
Post Successivo