Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sperimentazione animale, “Nature” alimenta il dibattito che arriva al Parlamento Ue

Eliminare le attuali norme europee sulla sperimentazione animale sarebbe un pericolo per la scienza ma anche per la salute degli animali: è l’allerta della rivista Nature in vista della discussione per abrogare le attuali leggi, prevista la prossima settimana al parlamento Ue e promossa dai movimenti anti-vivisezione, soprattutto italiani. L’editoriale (che è possibile leggere in versione originale qui) è firmato dalla genetista Kay Davies, dell’Università di Oxford. Dopo aver acceso in questi giorni il dibattito in Italia, nell’aula del Senato (ne abbiamo parlato qui), il tema delle normative sulla sperimentazione animale si allarga ora all’ambito europeo. Il parlamento Europeo discuterà nei prossimi giorni dell’iniziativa presentata dal movimento Stop Vivisection – European Citizens’ Initiative, che conta tra i sostenitori decine e decine di associazioni di diversi paesi tra cui le italiane Enpa, Lav, Oipa, Leal, Lndc, Animalisti italiani e molte altre ancora, e che chiede l’abrogazione delle norme fissate nel 2010 che regolano la sperimentazione sugli animali.
Il dibattito è in corso adesso e può essere seguito cliccando qui. “E’ estremamente importante che la ricerca sia fortemente regolamentata e che ci sia una discussione aperta e onesta su di esso”, spiega Davies nell’editoriale, dove pone l’attenzione sui pericoli che potrebbe generare la proposta del gruppo animalista. “Come per tutte le ricerche – aggiunge – gli esperimenti su animali non devono procedere senza l’ampio consenso della società. E’ per questo motivo che sono preoccupata per l’iniziativa del movimento antivivisezionista”. E’ un’iniziativa nata in Italia, spiega la genetista, che ha raccolto più di un milione di firme e che ha l’obiettivo di abrogare l’attuale direttiva europea che protegge gli animali utilizzati per la ricerca. L’attuale legislazione, aggiunge l’esperta, cerca di limitare notevolmente il numero di animali usati nei test e spinge alla ricerca di tecniche alternative e più rapide. “La rimozione della direttiva – scrive – sarebbe un significativo passo indietro per il benessere degli animali nell’Unione Europea e per il ruolo guida dell’Europa nella promozione della salute umana e animale”. Anche il mondo scientifico, aggiunge, auspica di poter un giorno convalidare farmaci senza dover eseguire test su animali, ma non è ancora possibile farlo. “La richiesta di questo gruppo di anti-vivisezionisti è di fatto una provocazione”, ha detto Silvio Garattini, direttore dell’Istituto Mario Negri. ”Chiedono – ha spiegato – di eliminare una direttiva del 2010 nata per armonizzare le regole della sperimentazione in tutta Europa ed è stata il frutto di una forte interazione tra governi, ricercatori e associazioni animaliste. Si tratta di norme piuttosto rigide che hanno limitato molto le sperimentazioni animali e sottoscritto dalle associazioni animaliste europee”. Per Garattini è “una provocazione estremista, un movimento ideologico puramente antiscientifico”. (Ansa)
  • daniela |

    Basta vivisezionare gli animali, e’essere senza coscienza e la scienza senza coscienza e’una vergogna per l’umanita’….milioni di creature mutilate destinate ad una sofferenza indicibile che ancora viene giustificata perche abilmente manipolata da enormi interessi economici delle case farmaceutiche e dal business che ci sta dietro…..la terra non e’solo dell’uomo ma appartiene a tutte le creature e noi dovremmo tutelare i piu deboli invece di sfruttarli …. VIVISEZIONE=VERGOGNA

  • rossella |

    stop alla vivisezione sugli animali!!!

  • Ljuva |

    Sono assolutamente dell’idea che L’uomo possa arrivare alla ricerca tramite altre nuove vie.

    Che si ingegni! le possibilità ci sono. Ma la comodità, la velocità e la facilità di azione che comporta l’utilizzo degli animali scoraggia la voglia di cercare nuovi metodi e di trovarli.

    e poi il business dietro all’ sperimentazione non gioca sicuramente a favore.

    L’uomo dovrebbe fermarsi un momento e pensare.

    così tecnologicamente avanzato, così abituato a mezzi tecnologici di ultima generazione….si serve ancora dell’animale per giungere ai suoi obiettivi di ricerca.

    non è così..,e non dovrebbe più essere così!!!

    L’ animale non può e non deve essere il capo espiatorio della mancanza di volontà di agire correttamente.

    Basta con la vivisezione!!!

    La civiltà di un paese si misura con il livello di rispetto nei confronti degli animali e di tutti gli esseri viventi!!!

    Ultima cosa,ma non per questo meno importante, grazie a vere e reali testimonianze di veterinari in molti centri di sperimentazione animale, spesso gli sperimentatori vanno oltre alla sperimentazione, presi dalla “naturale” foga (parte purtroppo naturale dell’uomo) di potere.

    Scene strazianti non vengono e non verranno mai enunciate e descritte.

    ..e troppi interessi sotto, che nessuno mai ammetterà!

    con rispetto, e in fede

    Ljuba Zamarin di Monza

  Post Precedente
Post Successivo