Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
contratto-m5s_lega_animali

La tutela degli animali nel testo del “Contratto di governo” M5S-Lega

AGGIORNAMENTO DEL 31 MAGGIO 2018 IN CODA – ALFONSO BONAFEDE NUOVO MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

+++

POST ORIGINALE

La tutela degli animali, l’inasprimento delle pene per chi commette delitti nei loro confronti e il contrasto al bracconaggio entrano nel programma di governo in discussione in questi giorni al tavolo che vede fronteggiarsi Matteo Salvini e Luigi Di Maio. A pagina 15 della bozza del “Contratto per il governo del cambiamento” che il Movimento 5Stelle e la Lega stanno portando avanti c’è (almeno nella versione del 15 maggio 2018 – ore 18.00 – Aggiornamento del 18 maggio: ora il contratto è definitivo e non ci sono state variazioni a questa parte) un breve paragrafo dal titolo “Reati ambientali e tutela degli animali”, compreso tra le voci “Area diritto di famiglia”, sopra, e “Contrasto alle mafie”, sotto. Il testo, di quattro righe scarse, recita: “È necessario provvedere alla revisione e l’inasprimento delle leggi attuali riguardanti i reati ambientali e quelli nei confronti degli animali garantendo maggiore tutela rispetto a fatti gravi ancora non adeguatamente perseguiti e per un maggiore contrasto al bracconaggio”. Si tratta di una sintesi, per quanto estrema, del programma “Giustizia” del M5S di cui abbiamo dato notizia qualche giorno fa, riportato qui sotto. Essendo un accordo con la Lega, partito pro-caccia, sono state stralciate alcune parti come, ad esempio, quella che mirava a colpire la pratica venatoria abrogando l’art. 842 c.c., che consente al cacciatore di entrare in un fondo privato senza autorizzazione. Una misura che avrebbe messo, di fatto, fine alla caccia così come si svolge ora.

prog_m5s_animali1

+++

AGGIORNAMENTO DEL 31 MAGGIO 2018 – ALFONSO BONAFEDE NUOVO MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

E’ il siciliano di nascita ma toscano di adozione Alfonso Bonafede del M5S il nuovo ministro della Giustizia. Nato a Mazara del Vallo, Trapani, nel 1976, è avvocato a Firenze ed è uno dei parlamentari più fidati e vicini al capo politico del MoVimento, Luigi Di Maio. E’ soprannominato per questo il “mister Wolf” a 5 Stelle. Ha fatto parte del direttorio politico M5s nella scorsa legislatura e, una volta, sciolto l’organismo, ha seguito le complicate vicende del Campidoglio fungendo da interfaccia sia con i parlamentari sia con Beppe Grillo e Davide Casaleggio.
Appassionato di Diritto Privato (ha un dottorato in Giurisprudenza a Pisa) è colui che ha avvicinato Giuseppe Conte, docente di privato, al M5S. Sarà Bonafede a trasformare in articoli di legge le quattro righe scarse che il “Contratto di governo” prevede a tutela degli animali? E’ lecito crederlo, dal momento che il breve paragrafo dal titolo “Reati ambientali e tutela degli animali” è una sintesi, per quanto estrema, del programma “Giustizia” del M5S. La fiducia degli animali è riposta in mister Wolf.

 

  • Caterina Ducinari |

    Compassione per tutti gli esseri viventi

  • Stefano parenti |

    Se gli animali sono anche tuoi, paga i danni dei cinghiali e dei caprioli alle viti come sono costretti a fare i cacciatori

  • Gianni |

    Aspetto che dalle parole si passi all’azione. A pene severissime per chi abusa di esseri buoni ed innocenti come lo sono TUTTI gli animali. Come qualunque paese che si definisca civile dovrebbe fare. Non si può più assistere impotenti a pisicopatici che seviziano, torturano causano anche morte e se la cavano con una “multa…Purtroppo non leggo nessun riferimento a quella pratica aberrante, crudele ed insensata che si riassume nelle dinizione di “macellazione senza stordimento”. Grave a mio parere…Chi andrà al governo prende un po’ d’esempi da ‘Austria e Svizzera, paesi dove esistono le più severe e serie leggi a tutela degli animali. E anche da alcuni Stati degli USA dove chi matratta gli animali finisce in GALERA! Proprio qualche settimane fa, la notizia che un essere indegno che aveva torturarto e ucciso parecchi animali tra cani e gatti, è stato condannato a 20 anni o forse più di galera!

  • Stefano |

    È ora di darci un taglio alla caccia, non può più essere considerato uno sport dove si uccide. La fauna è un bene di tutti. Perché alcuni possono uccidere ciò che è anche mio?????

  • Massimo |

    Basta caccia non è uno sport uccidere

  Post Precedente
Post Successivo