Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
muli_carni

Centovent’anni di storia del legame tra alpini e muli in una mostra fotografica a Roma

Al Museo Pietro Canonica di Villa Borghese a Roma apre domani alle 11 un’esposizione fotografica dal titolo “Muli e conducenti! Tutti presenti! 1872-1991: il legame tra muli e alpini attraverso 120 anni di storia”, organizzata dall’Associazione “Amici dell’Arte Felice” di Gorizia. La mostra, che dura fino al 7 gennaio prossimo, narra le gesta del “poderoso quadrupede” che ha sì accompagnato gli alpini fin dalla nascita del Corpo, nel 1872, ma che è protagonista “a fianco dei soldati già dal 1831, quando nell’esercito del Regno di Sardegna furono costituite le prime batterie da montagna dotate”, spiega una nota. L’esposizione dà “voce ai più silenziosi, a coloro che non poterono scegliere di fare gli interventisti o i neutralisti, focalizzando l’attenzione sul legame tra i preziosi e docili animali con i loro conduttori. Un lungo cammino tracciato insieme dagli Alpini e dai loro amati, fedeli e insostituibili muli”. Cammino che, dopo aver attraversato oltre un secolo e due guerre mondiali, “si è concluso nel 1991 quando lo Stato Maggiore dell’Esercito decise una forte riduzione delle salmerie per giungere allo scioglimento degli ultimi reparti nel 1993: il 7 settembre di quell’anno, infatti, furono venduti all’asta gli ultimi 24 muli”, raccontano gli organizzatori. Una fine poco gloriosa, a onor del vero, dal momento che gli animali furono venduti come carne da macello e alcuni macellati ci finirono per davvero (la storia dell’ultimo mulo sopravvissuto di quei 24, Iroso, e dei suoi compagni l’ha raccontata Macri Puricelli nel suo blog Zoelagatta, qui). L’esposizione, che documenta oltre che il sacrificio degli uomini anche quello degli animali, silenziose vittime innocenti della Grande Guerra, è strutturata in 10 sezioni su un percorso formato da 20 pannelli con fotografie d’epoca corredate da ampi testi esplicativi e fa parte di una mostra più estesa, “Realismo e poesia”. La Lav è sponsor etico. Presto un volume ispirato alla mostra, con un ampio apparato fotografico e con saggi curati dalle storiche dell’arte Serenella Ferrari e Susanne E.L. Probst. Info Mostra: tel. 060608, visite ore 9.00 – 19.00 (nella foto sopra, colonna di muli impegnata in Carnia nella Prima Guerra Mondiale. Subito sotto, il generale Cadorna a dorso di mulo raggiunge le postazioni di alta montagna, poi un mulo morente nella pianura friulana durante la ritirata di Caporetto e, ultima, il monumento “all’umile eroe” davanti al museo Pietro Canonica a Roma).

cadorna_mulo

mulo_morente

scodella