Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
vacca_abruzzo

“Alleviamo la salute” e “Allevamenti aperti”: Coop accelera sull’antibiotic-free e sulla trasparenza

Niente antibiotici negli ultimi quattro mesi di vita dei bovini prima della macellazione: lo ha deciso la Coop, che per la sua carne “a marchio” punta ad allevamenti totalmente “antibiotic-free” nel giro di un anno. “Dopo il pollo allevato senza uso di antibiotici, le uova e i primi prodotti di suino, la campagna ‘Alleviamo la salute’ prosegue con la filiera di carne bovina” spiega Coop, sottolineando che gli allevamenti coinvolti nel nuovo processo sono 350 per un totale di circa 200mila animali. Per Coop, azienda già premiata da Ciwf-Compassion in World Farming, la maggiore organizzazione internazionale per il benessere degli animali da allevamento, si tratta di “un primo obiettivo di riduzione, sempre nell’ottica della tutela della salute”. I primi prodotti derivanti da allevamenti che non hanno utilizzato gli antibiotici negli ultimi quattro mesi di vita dei bovini (nello specifico vitellone e scottona) arriveranno nei supermercati entro fine mese. Sabato 28 ottobre partirà l’iniziativa “Allevamenti Aperti”: dieci allevamenti, in Piemonte, Veneto, Lombardia, Emilia, Marche, Toscana e Puglia, fornitori di Coop, apriranno le loro porte e metteranno a disposizione i propri esperti ai consumatori interessati. Per prenotarsi telefonare al numero verde 800912195. “Lo facciamo – spiega il presidente di Coop Italia, Marco Pedroni – perché non possiamo rimanere insensibili di fronte alle richieste sempre più pressanti dei soci e consumatori. Lo stile alimentare degli italiani e sempre più improntato alla sicurezza e alla trasparenza. Ci piacerebbe che la nostra campagna fosse contagiosa”. Sugli scaffali anche un prosciutto cotto da suino danese antibiotic-free dalla nascita, “praticamente un caso di scuola”, dice Coop: la materia prima arriva da 8500 fattorie danesi a conduzione familiare che hanno da tempo attivato un protocollo rigoroso e che esclude fin dalla nascita il ricorso ad antibiotici, alimenta gli animali in modo del tutto vegetariano e adotta una serie di accorgimenti innovativi dal punto di vista del benessere. “L’impegno complessivo di Coop – spiega una nota – comunque è di lunga scadenza, imponente e tale da generare una vera e propria rivoluzione nei metodi di allevamento: complessivamente ne saranno interessati oltre 20 milioni di animali ogni anno e oltre 1600 allevamenti in Italia”.

  • Dell’iniziativa “Alleviamo la salute” abbiamo già parlato qui su 24zampe
  • Delle uova antibiotic-free abbiamo già scritto qui