Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
no_fur_maglietta1

Moda, anche Yoox Net-a-Porter dice addio alle pellicce: gli store online sono fur free

Yoox Net-a-Porter Group, il leader globale nel luxury fashion e-commerce, ha detto addio alle pellicce: l’annuncio della nuova politica “fur free” coinvolge tutti gli online store multimarca Net-a-Porter, Mr Porter, Yoox e The Outnet, in linea con l’adesione all’International Fur Free Retailer Program. L’applicazione del fur free nasce dalla relazione con The Humane Society Usa, Hsi, Lav e con il sostegno della Fur Free Alliance, coalizione internazionale delle principali organizzazioni per la protezione degli animali e dell’ambiente. Questa scelta garantisce che gli online store multimarca promuovano politiche commerciali a favore dei diritti degli animali. “Nel 2009 il Gruppo ha intrapreso il suo percorso per la creazione di un futuro sostenibile – spiega Matteo James Moroni, Head of Sustainability di Yoox – con il lancio di Yooxygen, la piattaforma pionieristica di Yoox per i brand responsabili a livello sociale e ambientale. Da quel momento abbiamo fatto grandi passi in avanti. La strada è lunga ma abbiamo un forte senso di responsabilità e riconosciamo l’importanza di dare un contributo positivo alla società”. Nei giorni scorsi anche Napapijri ha annunciato la collezione AI 17/18 totalmente priva di piuma, pelliccia, lana proveniente da conigli d’angora e pelli esotiche. “Il percorso per diventare fur free l’abbiamo iniziato nel 2012 – spiega in una nota l’azienda italiana, che distribuisce i suoi prodotti in 40 paesi – togliendo i colli di pelliccia dai capi destinati ai più piccoli, e due anni fa abbiamo iniziato a eliminare le piume”. Il capo-simbolo di questa evoluzione è il Superlight Parka: totalmente privo di piuma e pelliccia, unisce le tecnologie Eco-Fur e Thermo-Fibre offrendo al consumatore un prodotto innovativo e animal friendly. “Una scelta apprezzabile e che risponde alla crescente domanda di una moda che sia non solo bella, ma anche rispettosa degli animali, dell’ambiente e della salute dei consumatori”, commenta Lav.