Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
mano_cane2

Destinare il 5 per mille agli animali: come fare, le cose da sapere, a chi darlo

Si apre tra pochi giorni la stagione delle dichiarazioni fiscali. In quella sede, per circa 30 milioni di contribuenti è possibile destinare il 5 per mille a enti e associazioni senza fine di lucro (onlus) iscritti all’apposito elenco. Per andare incontro a chi vuole fare qualcosa di concreto per gli animali, 24zampe ha preparato una guida pratica e veloce alla devoluzione del 5×1000 ad associazioni animaliste per quanti presentano il 730, la Certificazione Unica o il Modello Unico persone fisiche. Destinare la quota del 5 per mille è complementare (cioè si aggiunge) all’opzione dell’8 per mille destinato allo Stato e alle confessioni religiose riconosciute e anche al 2 per mille riservato ai partiti politici.

COME FARE A DESTINARE IL 5X1000

La procedura è semplice: nei moduli della dichiarazione dei redditi per 730, Certificazione Unica o Modello Unico persone fisiche c’è una scheda “Scelta per la destinazione del 5 per mille dell’Irpef”. All’interno, c’è il riquadro “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale”: è il punto dove inserire la firma e il codice fiscale della onlus prescelta. Ancora più semplice se a farlo è il commercialista, basta indicargli il codice fiscale dell’ente. Anche i contribuenti esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi o i pensionati possono destinare il 5 per mille: devono compilare il modulo della “Scelta per la destinazione dell’otto e del cinque per mille dell’Irpef” apponendo il codice fiscale e la propria firma, inserire il modulo in una busta bianca scrivendo nell’intestazione della busta il proprio nome e cognome e il numero del proprio codice fiscale e la dicitura “Scelta per la destinazione dell’otto e del cinque per mille” e consegnare la busta (senza nessuna affrancatura postale) alla propria banca o in qualsiasi ufficio postale.

NEL 2014 OLTRE 100MILA PERSONE HANNO SCELTO LAV E ENPA

Sono moltissime le associazioni che contano su questo contributo consentito dal fisco per operare sul territorio. Di seguito sono elencate (in modo incompleto. ma l’elenco è “in progress”) le principali: alcune di loro pubblicizzano le motivazioni per essere scelte e le principali attività che svolgono con quanto devoluto, ma attraverso internet è senz’altro possibile trovarne altre, organizzate a livello nazionale o locale, magari piccoli rifugi per animali o centri di recupero della fauna selvatica. Nel 2014 è stata la Lav la regina del 5 per mille: ha raccolto un milione e 659mila euro, devoluti da più di 52mila contribuenti, seguita da Enpa (1.579.000 € – 51.900 contribuenti) e Wwf (1.100.000 € – 32mila). Qui è possibile consultare l’elenco completo della rendicontazione del 2014 (AGGIORNAMENTO DEL 18 APRILE 2017: qui ci sono quelli del 2015, pubblicati dall’Agenzia delle Entrate oggi, praticamente invariati), comunicato dall’Agenzia delle Entrate. Fino all’8 maggio 2017, infine, c’è tempo per iscriversi agli elenchi di enti destinatari del 5 per mille. Per saperne di più cliccare qui per leggere l’articolo di Federica Micardi del Sole 24 Ore. Per avere informazioni sulla detrazione delle spese veterinarie nella dichiarazione precompilata, cliccare qui.

730_2016_modelli.pdf

istrUG61A

+++

LIPU – C.F. 80032350482
La Lipu cura ogni anno più di 20mila animali selvatici nei suoi numerosi Centri Recupero. Inoltre gestisce 25 Oasi e Riserve naturali. Con 30mila sostenitori, oltre mille volontari, decine di operatori, tecnici, educatori, la Lipu da più di 50 anni è un punto di riferimento per la difesa della natura in Italia. Per devolvere il 5 per mille agli animali e alla natura annota questo codice fiscale e inseriscilo nella tua dichiarazione dei redditi (oppure consegnalo al tuo commercialista): Cod. fisc. 80032350482

+++

OIPA – C.F. 97229260159
“Con le donazioni del 5×1000 ricevute negli anni scorsi – spiega l’Oipa sul suo sito, dove si trovano più informazioni -, i volontari dell’Oipa hanno potuto salvare moltissimi animali. Con il tuo aiuto possiamo continuare a farlo. Anche quest’anno è arrivato quel momento speciale che permette, con un semplice e rapido gesto, di donare un grandissimo aiuto a chi ogni giorno scende in campo per aiutare gli animali. Sono gli angeli blu, i volontari dell’Oipa che con il loro operato scrivono un lieto fine alla storia degli animali in difficoltà. L’instancabile operosità dei volontari è il cuore pulsante dell’Oipa, che non smette di battere mai, nonostante la fatica, perché può contare sul supporto di moltissime persone che, come te, possono scegliere di stare al nostro fianco. Come nel caso della catastrofe naturale del terremoto che si è abbattuta sul centro Italia nei mesi scorsi. Scegliendo di donare all’OIPA il tuo 5xmille non stai solo compilando un modulo: stai dando un insostituibile contributo affinché quell’amore possa diffondersi e migliorare tante vite”.

+++

LAV – C.F. 80426840585

La Lega antivivisezione usa il 5 per mille per garantire cure mediche, cibo e assistenza a tutti gli animali in custodia. Spiega il sito Lav: “Sono centinaia quelli che accudiamo, continuare a essere in prima linea nei processi e difendere i diritti di migliaia di animali. Solo nel 2015 abbiamo seguito oltre 450 casi, realizzare le strutture del primo Centro di Recupero Specializzato per animali salvati dai circhi. Lo scorso anno abbiamo acquistato il terreno. Donare il 5×1000 alla LAV è veloce e semplicissimo. Nei moduli della dichiarazione dei redditi CUD, 730 e Modello Unico cerca la scheda ‘Scelta per la destinazione del 5 per mille dell’IRPEF’. Scegli il riquadro ‘Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale’. Inserisci la tua firma e il codice fiscale della LAV 80426840585”.

+++

ENPA – C.F. 80116050586

“Ogni giorno, dal 1871, mostriamo agli animali la parte migliore dell’uomo – spiega la Protezione animali sul suo sito -. Aiutaci a continuare così. Dare aiuto a chi non ha voce per chiederlo è un compito molto difficile. Ancora più difficile non potendo contare su alcun sostegno da parte dello Stato, ma soltanto sull’impegno di Guardie Zoofile, Volontari, Soci. Persone come te che hanno a cuore gli animali di qualunque specie e contribuiscono in modi diversi alla stessa missione: proteggerli e aiutarli. È questa, la forza dell’Enpa. Fanne parte anche tu: il tuo 5×1000 si trasformerà nei gesti quotidiani di coloro che si prendono cura delle migliaia di trovatelli affidati all’Enpa. Nel modulo della Dichiarazione dei redditi (730, Cud, Unico) trovi il riquadro “SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL’IRPEF”: nello spazio dedicato al “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, etc” FIRMA E INSERISCI IL CODICE FISCALE DELL’ENPA 80115060586.”.

+++

WWF – C.F. 80078430586

Le motivazioni per scegliere di destinare il 5 per mille al Wwf Italia sono riportate sul sito dell’associazione del panda: “Ci permetterai di tenere in vita le nostre Oasi, dove centinaia di specie rare di animali hanno trovato rifugio, salvandosi dall’estinzione. Grazie a te, potremo impegnarci in tutto il mondo per salvare lupi, tigri, orsi e tante altre specie, tutelando ambienti preziosi come la Foresta Amazzonica, il Bacino del Congo e il mar Mediterraneo. Ci permetterai di essere presenti nelle scuole, per raccontare ai bambini l’importanza di salvare la natura. Sarai al fianco di tutte le persone Wwf, come ad esempio le Guardie volontarie, che ogni giorno sono in prima linea contro il bracconaggio, gli inquinamenti, la distruzione del territorio. Avrai il privilegio di fare qualcosa perché la vita sulla Terra continui, in tutta la sua varietà e bellezza. Cerca nel modulo Modello Unico, 730, Cud lo spazio: “Scelta per la destinazione del 5X1000”. Farlo è semplice: metti la tua firma nel riquadro “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, etc.”. Sotto la firma, nello spazio “codice fiscale del beneficiario” inserisci il codice fiscale del Wwf: 80078430586

+++

LNDC – C.F. 80121770152

La Lega nazionale per la difesa del cane spiega sul sito web le modalità per destinare il 5 per mille all’associazione: “Da oltre 65 anni in prima linea per proteggere gli animali, LNDC mette in campo i suoi attivisti migliori in un video per ricordare che con il 5×1000 si può fare tanto per chi ha più bisogno. Lega Nazionale per la Difesa del Cane è una delle più antiche associazioni italiane di volontariato a tutela degli animali ed è attiva su tutto il territorio nazionale con circa 100 Sezioni, che quotidianamente si occupano di cani, gatti e altri animali in difficoltà. In quasi tutte le Sezioni sono in azione anche Nuclei di Guardie Zoofile Volontarie per la prevenzione e repressione dei reati ai danni dei nostri amici a quattro zampe. Donare il 5×1000 a Lega Nazionale per la Difesa del Cane significa stare concretamente dalla parte di chi non ha voce e offrire un aiuto reale all’Associazione per continuare a garantire il benessere agli oltre 30.000 animali che i volontari accudiscono ogni anno e ai 20.000 che soccorrono su tutto il territorio nazionale, trovando loro una famiglia. Devolvere è semplicissimo e non costa nulla: nei moduli per la dichiarazione dei redditi (CUD, 730 e Modello Unico) basta inserire la propria firma e il codice fiscale di Lega Nazionale per la Difesa del Cane: 80121770152. Anche chi non presenta la dichiarazione dei redditi può scegliere a chi destinare il 5x mille, compilando il modulo allegato al CUD e inviandolo a un CAF oppure a un professionista abilitato o al proprio datore di lavoro o ancora consegnandolo a uno sportello di un ufficio postale o di una banca. Il 5xmille non è alternativo all’otto per mille destinato alle confessioni religiose o allo Stato. È quindi possibile assegnare sia l’8xmille che il 5xmille. Versa il tuo 5×1000 a Lega Nazionale per la Difesa del Cane. Salverai il mondo animale, incluso il tuo essere umano”.

+++

LEIDAA – C.F. 02692940139

“Dona il tuo 5×1000 per aiutare gli animali in difficoltà”. Lo spiega sul proprio sito web l’associazione di Michela Vittoria Brambilla, indicando che “con un gesto semplice, che a te non costa nulla, puoi aiutare concretamente la nostra azione a favore degli amici a quattro zampe: scegli di destinare il tuo 5 per mille alla Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente Onlus. Nei moduli della dichiarazione dei redditi CUD, 730 e Modello Unico cerca la scheda “Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF”. Trova il riquadro “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale”, metti la tua firma e inserisci il codice fiscale della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente onlus: 02692940139.

+++

LEGAMBIENTE C.F. 80458470582

“Ciao, sono Ondina, e grazie a Legambiente sono tornata libera – spiega l’immagine di una tartaruga sul sito dell’associazione -. Oltre 1.250 tartarughe marine come me, ferite da un’elica o intrappolate in una rete, sono state salvate dai volontari del Centro di recupero di Manfredonia (FG). Con il tuo aiuto se ne potranno salvare tante altre. Perché Legambiente è fatta così: vuole difendere un patrimonio, di natura e di storia, che è anche tuo. Ci è riuscita ottenendo l’introduzione degli ecoreati nel Codice penale, così chi inquina, finalmente, paga. Ma è impegnata a farlo anche per mettere in sicurezza le opere d’arte nelle zone colpite dai terremoti. Fidati, te lo dico per esperienza diretta. Dona il tuo 5×1000 ai miei amici di Legambiente. A te non costa nulla e ci guadagniamo tutti. Grazie di cuore! Firma nel riquadro delle onlus e inserisci il codice fiscale 80458470582″.

+++

GREENPEACE C.F. 97046630584

Greenpeace chiede ai cittadini, in occasione della presentazione della dichiarazione dei redditi, di sostenere l’associazione ambientalista devolvendo il 5×1000. “Tante volte – spiega la campagna dell’associazione ambientalista – ci capita di assistere a ingiustizie, piccole e grandi, e di non dire nulla, di rimanere in silenzio a guardare. Ignorare i problemi non li risolve, per cambiare bisogna farsi sentire. Non si può essere indifferenti alla distruzione del pianeta, bisogna aggiungere la propria voce per ottenere un cambiamento: per questo il claim ‘Non alzare le spalle. Alza la voce’”. “Greenpeace – dice un comunicato – è presente in Italia da oltre 30 anni e la sua voce si è fatta sentire: per la protezione del mare, delle foreste, contro l’inquinamento, il nucleare e i cambiamenti climatici. Ma non basta. Bisogna dare più voce a Greenpeace – un’organizzazione indipendente, che non accetta fondi da istituzioni o aziende, per preservare la propria credibilità – ed è importante il contributo che arriva dal 5×1000. Destinare il 5×1000 a Greenpeace Italia è facile e non costa nulla: basta mettere la firma nel primo settore in alto denominato: “Sostegno del volontariato…” e inserire il codice fiscale di Greenpeace: 97046630584″.

 

  • Rosanna brambilla |

    Una indicazione utile perché spesso la ” tracciabilità delle organizzazioni che si sono moltiplicate negli anni e dichiarano impegni nei confronti degli animali non è così trasparente . Qui i bilanci sono trasparenti immagino

  • Guido Minciotti |

    Grazie della sua testimonianza, Cadira. Si possono scegliere le grandi come le piccole, quelle organizzate a livello nazionale per le grandi campagne come le piccole onlus locali che lavorano a stretto contatto con il territorio. La ringrazio anche di leggere 24zampe, saluti e buone feste gm

  • Cadira Bolli |

    io di solito lo do all’oipa,quest’anno volevo darlo alla Lipu,l’altr’anno ho trovato un merlo piccolo,lho tenuto la notte perchè era domenica,poi alla mattina lho portato avilla borghese,dove c’è la lipu,e loro l’hanno preso,ora sara’ certamente cresciuto.

  Post Precedente
Post Successivo