Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
diritti_animali

Giornata dei diritti animali, la Brambilla chiede “carcere per chi li maltratta e uccide”

“Deve andare effettivamente in carcere chi maltratta gli animali e li uccide con crudeltà e senza necessità”. Lo afferma Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, ricordando che oggi ricorre “la Giornata internazionale per i diritti degli animali, promossa quasi vent’anni fa dall’associazione inglese Uncaged campaigns”. “Va bene segnalare e denunciare – rileva Brambilla – ma d’ora in poi pretenderemo dalla politica risposte concrete. Possiamo farlo – spiega l’ex ministro – perché è finalmente caduto il governo che, tra tutti quelli della Repubblica, ha mostrato più indifferenza e disprezzo per i diritti degli animali”. Brambilla annuncia il rilancio di “un pacchetto di proposte animaliste, formalizzate in decine di progetti di legge a mia firma, che sotto la cappa opprimente del renzismo non è stato possibile neanche iniziare a discutere. A cominciare dall’inasprimento delle pene per maltrattamento ed animalicidio” e cita “grandi vergogne come pellicce, circhi con animali, vivisezione e soprattutto caccia”. Brambilla punta il dito contro il governo Renzi ricordando “l’abolizione del Corpo forestale dello Stato, l’eliminazione della Polizia provinciale (specializzata nella vigilanza venatoria), l’improcedibilità per ‘tenuità del fatto’ (che di fatto regala l’impunità a chi maltratta o uccide un animale), il via libera alle leggi regionali che prevedono stragi di ungulati (dai cinghiali ai caprioli), la legge sull’eradicazione della nutria, il parziale mantenimento della barbarie dei richiami vivi (si possono ancora allevare uccelli a questo scopo), la deroga al divieto di caccia sulla neve, la possibilità di caricare con più cartucce (fino a 5) le armi semiautomatiche per la caccia al cinghiale” e “un decreto su misura per il Trentino Alto Adige, dove si potrà sparare anche a specie non cacciabili altrove, come stambecchi o marmotte. Alla lista, infine, aggiungiamo il piano per la caccia ‘selettiva’ del lupo, il concetto di ‘orso dannoso’ e una ‘controriforma’ dei parchi naturali, in via di approvazione, che consente ai cacciatori di metterci piede”. (Ansa)

  • Patrizia |

    Sono pienamente d’accordo sul carcere per chi maltratta gli animali.Troppa superficialità su un argomento cosi importante e il caso di sensibilizzare tutti su questo p
    roblema.Io lo faccio spessissimo in classe e vi garantisco che i bambini sono molto attenti a ciò. Molto più dei “grandi” ma questo era ovvio!!!!!

  Post Precedente
Post Successivo