Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Monkeys cloned from a gene-edited macaque with circadian rhythm disorders are seen at the Chinese Academy of Sciences in Shanghai, China in this handout picture provided by the Institute of Neuroscience of the Chinese Academy of Sciences on January 24, 2019.  Chinese Academy of Sciences/Handout via REUTERS  ATTENTION EDITORS – THIS IMAGE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY. TPX IMAGES OF THE DAY

Clonate le prime 5 scimmie malate di insonnia, critiche animaliste

Dopo Zhong Zhong e Hua Hua, le prime scimmie clonate nel 2018 con la tecnica della pecora Dolly, sono nati i primi cloni di animali portatori di malattie. Sono 5 scimmie insonni, ottenute in Cina riprogrammando cellule di animali geneticamente modificati con la tecnica Crispr/Cas9, il cosiddetto taglia-incolla del Dna. La ricerca, pubblicata ieri su National Science Review, permetterà di studiare malattie finora impossibili da riprodurre in laboratorio, dall’insonnia con i suoi effetti di ansia e depressione ad alcune malattie neurodegenerative. Inoltre questo approccio promette di ridurre costi e tempi delle sperimentazioni e diminuire il numero di animali impiegati. L’Accademia cinese delle Scienze di Shanghai ci tiene anche a far sapere che la procedura rispetta le norme internazionali del benessere animale. Ma gli animalisti restano critici.

LO SCIENZIATO: RISULTATO IMPORTANTE

“E’ un risultato molto importante – sottolinea il genetista Giuseppe Novelli, rettore dell’Università di Roma Tor Vergata, a Rainews24 – perché finora non abbiamo mai avuto modelli animali adatti a studiare malattie multifattoriali: pensiamo ad esempio agli insuccessi registrati negli esperimenti fatti sui topi contro l’Alzheimer”. Per questo genere di malattie complesse servono animali più simili all’uomo, con la stessa anatomia e la stessa fisiologia, e non bastano neppure le cellule in provetta. L’alterazione dei ritmi circadiani che le scimmiette hanno “ereditato” grazie alla genetica servirà a studiare cure al passo con i moderni stili di vita. Novelli rimarca, infine, come i dati dell’Accademia delle Scienze siano trasparenti e a disposizione della comunità scientifica internazionale e come siano stati rispettati i protocolli etici.

LA REAZIONE DI LAV

“Quando capiremo che la vita non è un gioco? Questa non è scienza e nemmeno un passo avanti per la salute dell’uomo. È solo follia, l’uomo non è una macchina dove a un gene corrisponde una risposta, siamo organismi complessi che rispondono a una somma di fattori, spesso anche di origine ambientale. Questo approccio riduzionista è scientificamente sbagliato e fuorviante e appartiene all’800”, afferma Michela Kuan di Lav. “Chiediamo che su questo nuovo esperimento di clonazione vengano resi noti anche i fallimenti e i costi complessivi”. Bisogna, infatti, ricordare che gli esperimenti di clonazione hanno una elevata percentuale di insuccesso e determinano chissà quanti embrioni, feti e cloni malati e poi soppressi, dei quali però non viene data notizia.

LA REAZIONE DI ENPA

La clonazione delle scimmie “insonni”, avvenuta in Cina, danneggia la fiducia dell’opinione pubblica nella scienza. Lo afferma l’Ente nazionale protezione animali (Enpa) secondo cui la clonazione “rappresenta la prova più lampante dell’inutilità, oltreché della crudeltà, della sperimentazione sugli animali”. L’Ente osserva che “equiparare – con un vero salto di specie – l’insonnia delle scimmie a quella dell’uomo, ma anche ridurre le disfunzioni del ciclo circadiano ai soli fattori genetici, è una fuorviante semplificazione a danno di quei fattori psicologi, affettivi, culturali e ambientali che, spesso, sono i principali responsabili dei disturbi del sonno”. (foto Chinese Academy of Sciences/Reuters)

 

  • Guido Minciotti |

    (Dario, il bullo vallo a fare da un’altra parte. Grazie gm)

  • Dario |

    Orrendo, quale utilità per queste nefandezze a scapito di esseri viventi? La ricerca dell’immortalitá per la morte della terra. Quale animale più stupido dell’essere umano? Ovvero la nostra pseudo intelligenza ci porterà all’estinzione.

  • Maria Pia |

    E così questi scienziati prima giocano a fare dio creando “nuove” scimmie, poi si divertono a creare l’inferno per queste stesse con gli esperimenti che verranno e dandogli probabilmente anche la morte. Qualcuno ha mai provato a vivere un periodo di insonnia? Non è qualcosa di facile da poter gestire, soprattutto la prostrazione che ne consegue. Per questo non l’augurerei nemmeno al mio peggior nemico, figuriamoci a delle inermi scimmiette…forse a quegli scienziati, si. Per fargli capire cosa si prova. E scusate se sono cattiva.

  Post Precedente
Post Successivo