Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
A dog sits on top of the rubble of a wall that collapsed during a massive earthquake, in Mexico City, Friday Sept.8, 2017. One of the most powerful earthquakes ever to strike Mexico hit off its southern Pacific coast, killing at least 35 people, toppling houses, government offices and businesses. Mexico's capital escaped major damage, but the quake terrified sleeping residents, many of whom still remember the catastrophic 1985 earthquake that killed thousands and devastated large parts of the city.(AP Photo/Marco Ugarte)

“No all’eutanasia per animali d’affezione in zona rossa”: le ong animaliste contro la Campania

AGGIORNAMENTO DEL 19 APRILE 2018 IN CODA – L’ASSESSORE REGIONALE: LA NORMA SARA’ CANCELLATA

+++

POST ORIGINALE

Nel “Piano Vesuvio” della Regione Campania è prevista la soppressione degli animali da compagnia che si trovassero in zona rossa, cioè nell’epicentro di un’emergenza dell’area vesuviana, e impossibili da evacuare. Contrarie le principali associazioni nazionali di protezione animale (Animalisti Italiani, Enpa, Lav, Lndc Animal Protection, Leidaa e Oipa), che hanno scritto una lettera congiunta alle autorità della Regione Campania e al Ministero della Salute per richiedere un’urgente modifica del “Manuale operativo regionale per la gestione delle emergenze veterinarie in sanità pubblica e in sicurezza alimentare” denunciando come una misura di questo tipo sia “contra legem”. Nella stesura finale del documento, infatti, è prevista l’eutanasia per quegli animali d’affezione nell’impossibilità di allontanamento dalla zona rossa vesuviana in caso di emergenza.

UNA DISPOSIZIONE “CONTRA LEGEM”

Tale disposizione è totalmente in contrasto con la normativa nazionale e regionale in materia di tutela degli animali e pertanto le Associazioni ne hanno richiesto l’immediata cancellazione con tempestiva notifica a tutti gli attori coinvolti nella gestione delle emergenze. Con l’occasione, “le Associazioni hanno ribadito l’importanza del loro coinvolgimento nella elaborazione e stesura di norme o procedure che riguardano gli animali per evitare grossolani errori come in questo caso; coinvolgimento che non potrà che essere a livello Nazionale – e quindi presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile – e ciò anche alla luce delle recenti modifiche inserite col Decreto 1/2018 fortemente volute proprio dalle associazioni”, fa sapere un comunicato congiunto.

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA

Di seguito la lettera a firma delle Associazioni: Animalisti Italiani, ENPA, LAV, LNDC Animal Protection, LEIDAA, OIPA

Oggetto: modifica al Manuale operativo regionale per la gestione delle emergenze veterinarie in sanità pubblica e in sicurezza alimentare

Le firmatarie associazioni scrivono in relazione a un documento che è stato presentato durante il Convegno svoltosi a Pertosa lo scorso 22 e 23 marzo. Si tratta del P.R.P. 2014-2018, Programma H, Azione H.4-1.2; in particolare si fa riferimento al Manuale operativo regionale per la gestione delle emergenze veterinarie in sanità pubblica e in sicurezza alimentare, approvato con Decreto Dirigenziale della Regione Campania n. 393 in data del 30/12/2016 e pubblicato sul BURC n. 3 del 9 gennaio 2017.

Nel suddetto manuale al punto 7.6.2 evidenziamo che la previsione di eutanasia dei cani in zona rossa è del tutto contra legem, dunque ne chiediamo la immediata eliminazione.

Nello specifico, a pag. 17, in riferimento all’allontanamento dei cani dalla zona rossa (ove per zona rossa si intende l’area vesuviana dei 23 comuni in situazioni di allerta o pre-allerta) va certamente abolita la previsione di praticare l’eutanasia degli animali famigliari nell’impossibilita di ALLONTANAMENTO dalla zona rossa perché contravviene ad uno dei principi cardine della LEGGE 14 agosto 1991, n. 281, cristallizzato all’art. 2, comma 2.

Riportiamo di seguito quanto si legge testualmente:

La Direzione di Comando e Controllo potrà disporre, a seconda dei casi, delle seguenti procedure:

– allontanamento dei cani dalla zona rossa e loro sistemazione in canili gemellati presenti in Regione Campania o altre regioni italiane
– adozione temporanea o definitiva dei cani
– eutanasia degli animali per i quali risulti non praticabile l’allontanamento

Orbene giova ricordare che la 281/91 (peraltro non richiamata nella normativa di riferimento del Manuale) dispone all’art 2, comma 2 che: “I cani vaganti ritrovati, catturati o comunque ricoverati presso le strutture di cui al comma 1 dell’articolo 4, non possono essere soppressi”.
Inoltre il comma 6 precisa: “I cani ricoverati nelle strutture di cui al comma 1 dell’articolo 4, fatto salvo quanto previsto dagli articoli 86, 87 e 91 del regolamento di polizia veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320, e successive modificazioni, possono essere soppressi, in modo esclusivamente eutanasico, ad opera di medici veterinari, soltanto se gravemente malati, incurabili o di comprovata pericolosità.”

È quindi evidente che la frase di cui sopra va assolutamente e urgentemente eliminata, considerato che il suddetto manuale è stato oggetto di studio e confronto in diversi convegni formativi, compreso l’ultimo svoltosi a Pertosa.
Ora, se da un lato la componente veterinaria conosce le norme relative alla tutela degli animali di affezione, non è detto che altre componenti del Sistema (capi campo, funzionari di Protezione civile, etc.) possano conoscerla; pertanto, considerato che detto Manuale è stato distribuito in precedenza, sarà anche opportuno inviare una nota di rettifica a tutti i soggetti che lo hanno ricevuto.
Si suggerisce comunque di richiamare in premessa, oltre alle norme di Protezione civile, anche quelle relativa alla tutela degli animali, perlomeno la 281 del 1991 e l’articolo 544 bis del Codice penale con la relativa Giurisprudenza e ciò al fine di chiarire quale sia il quadro normativo di riferimento.

Ci permettiamo di far notare che la previsione di eutanasia è in totale contrasto anche con alcune premesse del testo, laddove si richiama ad esempio il fatto che “prevenire la sofferenza degli animali è ormai un interesse della nostra società, che si è dotata anche di strumenti legislativi per la loro tutela.”
In aggiunta a quanto sopra si è potuto apprendere, in particolare da uno dei relatori del convegno di Pertosa, che esiste un altro documento predisposto per gestire l’emergenza nella Regione Campania, ovvero “il Piano Vesuvio” che a quanto pare non contempla alcuna previsione di evacuazione degli animali dalla zona rossa, il che è in contrasto non solo con le norme recentemente introdotte dal Decreto 1/2018, ma anche con quelle già esistenti a livello nazionale.

Questa svista, se di questo si tratta, non è che una delle tanti ragioni per cui si ritiene indispensabile l’apporto delle Associazioni animaliste quali parti di un team tecnico per coadiuvare gli Organi preposti nella redazione di manuali operativi che contemplino l’assistenza agli animali famigliari.

Certi della vs attenzione, si resta in attesa di un cenno di riscontro e si saluta cordialmente.

Walter Caporale, Presidente ANIMALISTI ITALIANI
Carla Rocchi, Presidente ENPA
Gianluca Felicetti, Presidente LAV
Michela Vittoria Brambilla, Presidente LEIDAA
Piera Rosati, Presidente Lega Nazionale per la Difesa del Cane
Massimo Comparotto, Presidente OIPA

+++

AGGIORNAMENTO DEL 19 APRILE 2018 – L’ASSESSORE REGIONALE: LA NORMA SARA’ CANCELLATA

“Si tratta sostanzialmente di un atto dovuto, di ripristino della legalità, perché la disposizione sull’eutanasia era in palese contrasto con la normativa in vigore, regionale e nazionale. Gli animali vanno salvati, non soppressi. A maggior ragione dopo la lunga e vittoriosa battaglia che abbiamo condotto per includere gli animali nella riforma della protezione civile”. Così le associazioni Animalisti Italiani, Enpa, Lav, Lndc Animal Protection, Leidaa e Oipa commentano l’assicurazione data dall’assessore D’Alessio, durante il question time nel consiglio regionale della Campania, che è già stata cancellata nella nuova versione del documento la disposizione che prevedeva l’eutanasia degli animali d’affezione “per i quali risulti non praticabile l’allontanamento” dalla zona rossa. Le stesse associazioni avevano scritto nei giorni scorsi una lettera congiunta alle autorità della Regione Campania e al Ministero della Salute per richiedere urgentemente la modifica del Manuale.

  • andrea |

    No alla eutanasia!

  • Lucia |

    Sono d’accordo ! No al l eutanasia , almeno che non bisogna farlo per forza ,perché il cane è grave e per non farlo soffrire si fa la puntatina .. Riguardo la zona rossa si potrebbe fare un canile e fare in modo che i cani vengano addottati e parlare più spesso anche in tv . Di non abbandonare i cani , che succede più spesso nel periodo delle vacanze estive . Distinti saluti lucia barbera

  • Fulvia |

    Dobbiamo fermare assolutamente questa disposizione scellerata e crudele, tutti gli esseri viventi, animali compresi, hanno diritto alla vita e devono essere tutelati da una violenza che non ha senso ed è pure contraria alla Legge.

  • Alicia Leonor Vitullo |

    No alla eutanasia!

  • Alessandra |

    Avete avviato una petizione con raccolta firme?

  Post Precedente
Post Successivo