Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
IL TERMINE PASQUA DERIVA DALLA PAROLA LATINA PASCHA E DALL'EBRAICO PESAH, CHE SIGNIFICA PROBABILMENTE PASSAGGIO. CON QUESTO NOME SI INDICANO DUE FESTE, UNA EBRAICA, L'ALTRA CRISTIANA. LA PASQUA PIU' ANTICA QUELLA EBRAICA, CON LA QUALE SI CELEBRA LA LIBERAZIONE DEL POPOLO DI MOSE' DALLA SCHIAVITU' IN EGITTO E VIENE FESTEGGIATA IN OCCASIONE DEL PRIMO PLENILUNIO DOPO L'EQUINOZIO DI PRIMAVERA. LA PASQUA CRISTIANA CELEBRA, INVECE, LA RESURREZIONE DI CRISTO E VIENE FESTEGGIATA LA DOMENICA SUCCESSIVA AL PRIMO PLENILUNIO DOPO L'EQUINOZIO PRIMAVERILE. LA FESTA, OLTRE ALLE RADICATE MOTIVAZIONI RELIGIOSE, LEGATA AL RISVEGLIO DELLA NATURA. L'EVENTO HA SEMPRE AVUTO RISONANZE AGRESTI E RISALE AD UN'ANTICA CELEBRAZIONE CON CUI VENIVA FESTEGGIATO L'ARRIVO DELLA PRIMAVERA TRAMITE OFFERTE DI RINGRAZIAMENTO, TRA CUI LE PRIMIZIE DEL CAMPO E DELL'ORTO, E SACRIFICI DI AGNELLI, LA CUI CARNE VENIVA CONSUMATA CON UN PASTO RITUALE. OGGI COME IN PASSATO SI RITROVANO SULLA TAVOLA LE SPIGHE DI GRANO TRAMUTATE IN PANE, LE ERBE, LE UOVA, L'AGNELLO, IRRINUNCIABILI E CARATTERISTICI ALIMENTI DELLA PASQUA. 
FOTO SASS/WESTEND61/INFOPHOTO

In Autogrill niente più uova da galline allevate in gabbia

Autogrill ha annunciato il suo impegno a non utilizzare più uova provenienti da galline allevate in gabbia a livello europeo entro il 2025. Leader della ristorazione on the road in Europa, l’azienda è la prima realtà del settore in Italia a prendere questa decisione che comprenda sia uova in guscio che ovoprodotti. La decisione segue l’impegno preso nel 2009 a eliminare le uova in guscio da galline in gabbia dal proprio assortimento in Italia, per il quale l’azienda aveva ricevuto il Premio Good Egg di Compassion in world farming (Ciwf). Le galline allevate in gabbia, ricorda Autogrill, hanno poco spazio a disposizione, meno di un foglio A4 e non hanno neanche lo spazio per aprire le ali; poggiano le loro zampe su un pavimento di rete metallica, sviluppando così dolorose infezioni. La loro fragilità delle ossa è più accentuata, cosa che le porta a sviluppare lesioni con maggiore facilità e, a causa dello stress dovuto al sovraffollamento e all’impossibilità di muoversi, le galline corrono più rischi di beccarsi l’un l’altra, staccandosi le penne. Per ridurre i danni provocati da questo fenomeno, alle galline viene tagliato il becco dopo pochi giorni di vita, con una procedura molto dolorosa effettuata senza anestesia. In Italia ogni anno sono allevate 35 milioni di galline, di cui il 62% (circa 21 milioni) ancora in gabbia. Il confinamento in gabbia è quindi un sistema che pregiudica seriamente il benessere degli animali e il Settore Alimentare di Ciwf accoglie positivamente la decisione di Autogrill, che arriva anche grazie alla collaborazione con altre organizzazioni.

  • Stop all’uso delle gabbie per allevare animali a scopo alimentare: i cittadini europei, riuniti sotto l’egida di “End the Cage Age”, possono firmare qui e “salvare” milioni di galline, maiali, vitelli e conigli. Servono almeno un milione di sottoscrizioni.
  • Paperino |

    Finalmente iniziano a muoversi i colossi! Ci fermeremo da Autogrill più spesso e piu volentieri.

  Post Precedente
Post Successivo