Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
poste

Cani ammessi negli uffici postali con guinzaglio e museruola

Porte aperte ai cani in Posta, in tutta Italia. “L’accesso ai cani nella sala al pubblico degli uffici postali è consentito nel rispetto delle seguenti condizioni: che siano sempre al guinzaglio a una misura non superiore a metri 1,50 e che indossino una museruola in caso di rischio per l’incolumità di persone o animali”, scrive Poste Italiane su twitter, all’indirizzo istituzionale @PosteNews, in risposta a una sollecitazione del presidente Lav Gianluca Felicetti. “Buone notizie: sì ai cani negli uffici postali – risponde Lav sul social network – Ma @Postenews lo dica chiaramente a filiali e utenti, nel rispetto dei diritti dei cittadini, dei quattro zampe e della buona convivenza!”. Sul proprio sito, poi riprende l’argomento sollecitando Poste a “comunicare la buona notizia agli oltre 12mila uffici postali e agli utenti che ogni giorno vi si recano”. E si augura “un bel cartello che non lasci dubbi e spieghi le regole per il corretto accesso degli animali negli uffici postali, per assicurare il rispetto delle norme, evitare malumori e una “canofobia talvolta alimentata da cartelli improvvisati e decisioni arbitrarie. Buon lavoro!”. Anche Animalisti Italiani onlus richiama l’attenzione sul tweet: “Finalmente arriva un chiarimento su una norma ingiusta che per tanto tempo ha impedito l’accesso dei nostri amici a quattro zampe in un luogo pubblico. Chiediamo alle Poste Italiane di rimuovere il cartello di divieto in tutti i 12.845 uffici postali. Per un corretto rispetto delle regole sull’accesso degli animali negli uffici postali, suggeriamo di pubblicare un vademecum o affiggere un cartello con il regolamento menzionato. La convivenza con i nostri ‘fratelli’ animali non solo è possibile, ma è anche indice di un vero progresso morale e civile”.

posteit