Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
carettaaa

Giornata della tartaruga, 130 mila Caretta caretta vittime della pesca

Dopo l’ape domenica e la biodiversità martedì, oggi mercoledì tocca alla tartaruga. Si celebra infatti il 23 maggio la Giornata mondiale dedicata a questo animale. Per l’occasione, Legambiente presenta i dati contenuti nel rapporto “Biodiversità a rischio 2018”: ogni anno nel Mediterraneo sono oltre 130mila le tartarughe marine Caretta caretta vittime di catture accidentali durante le normali operazioni di pesca professionale. Di queste circa 70mila abboccano agli ami utilizzati per la pesca al pesce spada, oltre 40 mila rimangono intrappolate in reti a strascico e circa 23 mila in quelle da posta.

COSA MINACCIA TARTARUGHE E TESTUGGINI

La ricorrenza è stata lanciata nel 2000 dall’associazione American Tortoise Rescue per sensibilizzare su tartarughe e testuggini. Accanto alla pesca, un’altra minaccia è rappresentata dall’inquinamento del mare, dove la plastica è sempre più presente. Le tartarughe, insieme ai mammiferi e agli uccelli marini, possono morire per soffocamento dovuto all’ingestione accidentale di rifiuti – soprattutto buste di plastica – scambiati per cibo. A livello globale il 40% delle specie di uccelli marini ingerisce rifiuti di plastica, il 100% delle specie di tartarughe e il 50% di quelle di mammiferi.

A MANFREDONIA UN CENTRO PER TARTARUGHE MARINE

Il Centro recupero tartarughe marine gestito da Legambiente a Manfredonia, in provincia di Foggia in Puglia, finora ha ospitato, curato e salvato 1.404 esemplari di tartarughe marine in difficoltà, la maggior parte delle quali giunte al centro a causa di catture accidentali in reti da strascico (circa il 92%). Recenti studi condotti nel Tirreno settentrionale sulla specie Caretta caretta, la più diffusa nei nostri mari, hanno dimostrato l’ingestione di rifiuti di plastica nel 71% degli individui per i quali è stato analizzato il tratto gastrointestinale. In 22 campioni – evidenzia l’associazione ambientalista – sono stati trovati 483 frammenti di rifiuti, con una media di oltre 16 pezzi a esemplare.