Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
darwin_testo

Lunedì si celebra il Darwin Day: almeno dieci giorni di festeggiamenti per il papà dell’evoluzione

Ultimi preparativi per il Darwin Day 2018, la giornata internazionale che celebra il padre della teoria dell’evoluzione Charles Robert Darwin (Shrewsbury 1809 – Londra 1882) proprio nel giorno del suo compleanno, lunedì 12 febbraio. In nome dei valori della ricerca scientifica e del pensiero razionale, centinaia di conferenze, incontri, dibattiti ed eventi animeranno da domani e per tutta la settimana prossima università, musei e circoli di tutto il mondo, dalla Norvegia alla Spagna, dall’India fino al Giappone. Fitto il calendario delle iniziative anche in Italia, con appuntamenti per adulti e bambini da Nord a Sud. Domani si comincia con “A ognuno il suo becco”, un’escursione nel Parco Naturale del Beigua, in Liguria, che guiderà i visitatori all’osservazione degli uccelli. Aria di mare a Rimini, dove il circolo dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar) organizza con il Cicap l’incontro “Mostri degli abissi tra mito e realtà”. Ai Musei Civici di Reggio Emilia invece si giocherà con l’evoluzione, grazie ad attività per tutta la famiglia nel ventennale del ritrovamento del più importante fossile del museo, la “balena Valentina”. Pomeriggio ricco di incontri anche all’Università di Modena e Reggio Emilia.

DA LUNEDI’

Lunedì, a 209 anni esatti dalla nascita del naturalista, l’appuntamento è al Museo di Storia Naturale di Milano alle 17.30 per l’iniziativa “Buon compleanno Charles. Immagini e parole per festeggiare Darwin”, con gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Brera. Poi la festa si sposta al circolo Uaar di via Porpora, con un aperitivo e un dibattito su “Che cosa non ha detto Darwin”, insieme agli esperti dell’Università di Milano. Celebrazioni sulla neve ad Asiago (Vicenza), con una ciaspolata gratuita nei boschi dell’altopiano, mentre conferenze più tradizionali si terranno all’Università di Firenze, Cagliari e alla Sapienza di Roma. Al Museo di Trento sarà possibile riscoprire fossili, piante e animali attraverso gli occhi di Darwin. A Pordenone, dal 12 al 16 febbraio, la Uaar organizza un ciclo di incontri serali dedicati a Darwin, ai suoi “nemici” e ad alcuni esempi pratici di ricerca evoluzionistica, come quella sugli insetti. Al Museo di Storia Naturale di Ferrara la festa durerà dal 15 al 22 febbraio, grazie al ciclo di incontri sull’evoluzione umana intitolato “Humus, Homo, Humanitas”.

DA MERCOLEDI’

Al codice della vita è invece dedicato l’incontro “Genomi umani in evoluzione: il Dna per capire origine, migrazioni e futuro della nostra specie”, mercoledì 14 febbraio presso la Sala Redecocca di Modena. Al Museo di Scienze Naturali di Torino, il 14 febbraio, letture, musica e video in difesa della biodioversità. Il Darwin Day sarà più teatrale a Napoli, dove il 15 febbraio gli esperti della Società dei Naturalisti interpreteranno i personaggi storici maggiormente coinvolti nella genesi e nello sviluppo del pensiero darwiniano. A Venezia il 16 febbraio “L’uomo sta creando l’uomo. Le nuove frontiere per modificare il genoma”, giornata di studio con la collaborazione dell’Ateneo Veneto e il patrocinio della Facoltà di Scienze dell’Università di Padova. A Palermo il 18 febbraio “Darwin Family Day”, al Planetario di Villa Filippina, con laboratori didattici gratuiti e una tavola rotonda per avvicinare i cittadini alla ricerca. Di estrema attualità anche l’appuntamento di Portici (Na) il 23 febbraio, uno degli ultimi, intitolato “Evoluti altrove: cosa sono gli organismi alieni e perché dobbiamo preoccuparcene”. Chiude le celebrazioni del Darwin Day il museo Paleoantropologico del Po di San Daniele Po (Cr) il 24 febbraio, con il convegno “Il lupo di Darwin”.