Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
forli

Agenda animale, gli appuntamenti del weekend del 17-18 giugno 2017

MANIFESTAZIONE, FORLI’, SABATO 17 GIUGNO 2017

Meta Modena organizza il giorno 17 giugno dalle 11 alle 16, un corteo pacifico nella città di Forlì per chiedere alle autorità locali delucidazioni sulla situazione dei conigli ospitati nel parco urbano “F. Agosto”. I conigli, risultato di molti abbandoni, nel 2012 furono colpiti da mixomatosi; da allora la zona risulta infetta. Dopo anni di silenzio, tra il 10 e il 27 aprile 2017 la Ausl Veterinaria ha dato incarico di catturare gli animali per effettuare dei test. “Le nostre richieste dei risultati per via formale hanno avuto riscontro solo il 9 giugno e, a presa visione dei documenti, non possiamo ritenerci soddisfatti della tempistica nè tanto meno della risposta, le quali hanno anzi aggiunto ulteriori domande e perplessità” spiega Meta. Il ritrovo sarà alle ore 11 presso il parcheggio del parco “F. Agosto”, fronte Via Lazio. Il punto di arrivo sarà in Piazza Saffi. “Il nostro fine non è quello di dichiarare guerra al Comune di Forlì, ma di tutelare gli animali, di ogni specie e non ci riteniamo soddisfatti delle risposte ricevute e dei risultati ad oggi ottenuti. Noi chiediamo una soluzione definitiva alla gestione degli animali, che preveda programmi precisi e immediati: censimento, sterilizzazioni, vaccinazioni”, continua una nota. “Ringraziando chi ha già manifestato interesse a partecipare, invitiamo tutti gli attivisti, i gruppi, le associazioni ed i singoli cittadini a supportare questa nostra iniziativa, al fine di trovare la soluzione ottimale per la cura ed il benessere di questi essere senzienti”.

+++

CONVEGNO, PADOVA, SABATO 17 GIUGNO 2017

Organizzato dalla Sezione e dal Nucleo Guardie Zoofile Enpa di Padova, sabato 17 giugno alla Fornace Carotta di Via Siracusa 61 dalle 16.00 alle 20.00, l’interessantissimo convegno sulla fauna selvatica “Piani di abbattimento o metodi ecologici?”. Si parlerà delle efficaci esperienze sul controllo della fauna selvatica attraverso metodi incruenti e di come, ad esempio sulle nutrie, una ventennale azione di disinformazione e menzogne le abbia trasformate, ingiustamente, in una delle specie considerate più “nocive” nell’immaginario collettivo. “Grazie a relatori di primo piano” sottolinea Marco Bravi, Presidente Consiglio Nazionale Enpa e responsabile nazionale del Servizio Guardie Zoofile “faremo il punto sulle diverse prospettive e punti di vista in un ambito che ci vede, come Guardie Zoofile e come Enpa in generale, coinvolti in prima linea per la difesa della biodiversità che è, da sempre, il baluardo del benessere dell’ambiente. Un particolare ringraziamento va a Michele Favaron, organizzatore del convegno”.

img_8377

+++

ANIMAL STARS, TORINO, FINO ALL’8 GENNAIO 2018

Ci fanno ridere e piangere, ci riempiono di tenerezza o di paura, ci stupiscono, ci lasciano col fiato sospeso, ci fanno desiderare di averli al nostro fianco. Sono gli animali al cinema, veri e propri divi, diventati spesso icone e motivo di successo per una pellicola. A loro il Museo Nazionale del Cinema di Torino dedica la mostra ‘Bestiale! Animal Film Stars’. Curata da Davide Ferrario e Donata Pesenti Campagnoni è in programma fino all’8 gennaio. “Siamo molto orgogliosi – dice il presidente del Museo, Paolo Damilano – di ospitare questa mostra dedicata al rapporto tra cinema e animali frutto di un grande lavoro d’equipe e con collaborazioni con importanti istituzioni internazionali. Si aggiunge alle tante iniziative realizzate in questi primi 6 mesi che hanno portato bel 20 mila visitatori in più rispetto allo scorso periodo dello scorso anno”. La mostra presenta in dieci sezioni 270 animali-attori attraverso più di 440 fra fotografie, manifesti, storyboard, costumi di scena, memorabilia e animatronics oltre a sequenze di film assemblati in 16 montaggi speciali. Duecentottanta i film documentati e due i temi principali, l’animale star e la relazione tra personaggio e interprete e l’animale-attore, dalla ‘recitazione animale’ all’uso sempre più predominante di effetti speciali digitali e animatronics. Nei primi cinquant’anni della sua storia, spiega Ferrario, “il cinema ha presentato gli animali sotto una doppia veste, quella di amici o nemici dell’uomo e quella in cui sono simili agli uomini”. L’antropomorfizzazione “è una formula che funziona sempre – continua il regista – molto spesso a costo della dignità dei diretti interessati, ma umanizzare le bestie può anche servire a rovesciare la prospettiva, cioè non si ride più perché gli animali sono ridicoli ma perché ci possono far ridere di noi stessi”. “Nella vita di ciascuno di noi c’è un animale icona fra quelli del cinema”, aggiunge la Pesenti, che è anche la direttrice pro tempore del Museo del Cinema di Torino. “L’idea dell’esposizione – spiega – è nata dopo la morte di Uggie, il cane da Oscar di ‘The Artist’ di cui tutta la stampa ha parlato. Questo ci ha fatto capire quanto la nostra vita sia segnata dagli animali dello schermo”. Fra gli ospiti John Cox, Oscar per gli effetti speciali per ‘Babe’ e mago degli animatronics: “Il mio lavoro – sottolinea – è ottenere dagli animali quello che non puoi e non devi chiedere a loro”. (nella foto un fotogramma del film “Belle e Sebastien”).

belle

+++

+++

MOSTRA FOTOGRAFICA, MILANO, FINO AL 20 GIUGNO 2017

A San Valentino in duecento hanno festeggiato “con chi non tradisce”, facendosi ritrarre con i propri animali dalla fotografa Silvia Amodio (sotto, uno scatto). Quell’amore è diventato una mostra fotografica a Milano, al Castello Sforzesco. Il lavoro della Amodio, artista nota a livello internazionale, si chiama “Human Dog 2017_Alimenta l’amore” e consente di appendere alle pareti del Castello non solo cani e gatti ma anche conigli, galline e oche con i loro padroni. “Animali non convenzionali – spiega l’autrice, da sempre impegnata in lavori zooantropologici -, che nella nostra tradizione sono considerati come cibo destinato alla tavola, sintomo di un profondo cambiamento culturale nei loro confronti”. Tutto per un fine benefico: il progetto fotografico rientra in una campagna di Coop, Radio Bau e Lndc-Lega nazionale difesa del cane che, grazie a donazioni di cittadini e associazioni sempre più numerose, ha consentito di donare in tre anni oltre 331 mila pasti agli animali in difficoltà. Sabato, ancora un’occasione per farsi ritrarre con i propri amici a quattrozampe. I ragazzi della Scuola del fumetto realizzano un disegno dei partecipanti. La mostra è accessibile gratuitamente al pubblico nel Cortile della Rocchetta secondo gli orari del Castello Sforzesco fino al 20 giugno 2017. Tutte le info qui.

human-dog-1

+++

wilson_varese

VIDEO-INSTALLAZIONE, VARESE, FINO AL 15 OTTOBRE 2017

Ispirandosi alla favola “Comare volpe e compare lupo”, l’artista statunitense Robert Wilson ha realizzato una video-installazione per la collezione permanente di Villa Panza, storica dimora a Varese che fa parte del patrimonio del Fai. L’opera, presentata oggi, è composta da un trittico di video interconnessi: tre ritratti del lupo, della volpe e dell’agnello, gli animali protagonisti della favola della tradizione napoletana inserita anche nella raccolta ‘Fiabe italiane’ di Italo Calvino edita nel 1956, inseriti in un paesaggio onirico e surreale. Completa l’installazione la musica del duo statunitense CocoRosie, diffusa nella stanza. Per il suo lavoro inedito Wilson si è lasciato ispirare dalla storia di un ‘patto’ tra la volpe e il lupo rotto a causa dell’ingordigia, con conseguente vendetta. “Spesso le persone mi chiedono quali siano le idee che stanno dietro le mie immagini – ha spiegato Wilson durante la presentazione – io rispondo che non interpreto il mio lavoro, l’interpretazione è per gli altri. Le favole sono una fonte di ispirazione, dare un significato a questo lavoro limita la sua poesia e la possibilità di far nascere altre idee”.  Fino al prossimo 15 ottobre rimarrà aperta a Villa Panza la mostra ‘Tales’ di Robert Wilson e, una volta chiusa l’esposizione, la video-installazione entrerà a far parte della collezione permanente assieme all’opera ‘A House for Giuseppe Panza’.

+++

b6b621e619a8d7d0f6d07b5486eeecf8

MODA ANIMALIER, TORINO, FINO AL 3 SETTEMBRE 2017

Aperta alla Reggia di Venaria, a Torino, la mostra “Jungle. L’immaginario animale nella moda”. La Versailles italiana si veste di animalier e ospita nelle sue sale un centinaio di abiti, vere opere d’arte, ideati dai più grandi stilisti al mondo. Dal primo stampato a pantera della storia della moda, ideato da Christian Dior nel 1947, molte fantasie zoomorfe si sono susseguite in passerella. Tra gli altri stilisti esposti si ricordano Hermes, Valentino, Ferragamo, Krizia, Givenchy, Ken Scott, Thierry Mugler, Jean Paul Gaultier e Cavalli. Fino al 3 settembre. Per saperne di più, cliccare qui. (nella foto sopra, Ansa, l’ingresso della mostra e, sotto, Veruschka, icona di stile degli anni ’60-70, bellezza rivoluzionaria che indossava capi animalier con una naturalezza tale da arrivare a sentirsi animale lei stessa. Sopra, fotografata da Peter Beard in Kenya nel 1966, è ricoperta di lucido da scarpe a formare una fantasia tigrata).

veruschka

+++

MOSTRA, PADOVA, FINO AL 26 GIUGNO 2017

Un modo diverso per scoprire gli animali: è la proposta dell’installazione artistica e del percorso di conoscenza della Natura e dei suoi protagonisti, animali e piante. È “Estinzioni. Storie di animali minacciati dall’uomo”, la mostra–evento che mette insieme le sculture dell’artista Stefano Bombardieri, autore del ciclo The Faunal Countdown (sopra e sotto alcune opere), con modelli realizzati ad hoc e animali tassidermizzati provenienti dal Museo di Zoologia e di Veterinaria dell’università di Padova, dalle collezioni di specie protette del Museo Cappeller e del Museo di Storia Naturale di Bassano del Grappa. Un racconto che vede al centro 34 animali collocati nel loro ambiente naturale, dalla foresta tropicale alla savana, dal bosco dei climi temperati alle aiuole del Mediterraneo fino ai deserti africani e del Centro America, che debbono, loro malgrado, temere l’uomo e le sue minacce. Tutti a grandezza naturale, tutti bellissimi, fieri e tutti a rischio di estinzione. L’esposizione padovana rappresenta la conclusione di un progetto di ricerca nazionale, coordinato da Telmo Pievani – evoluzionista e divulgatore – e promosso dall’università di Padova, in collaborazione con il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, il Muse-Museo delle Scienze di Trento e Fem2 di Milano Bicocca, finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Questa mostra completa idealmente il percorso avviato con “Estinzioni. Storie di catastrofi e altre opportunità”, allestita al Muse di Trento fino al 26 giugno, dedicata ai fenomeni delle estinzioni storiche. La selezione degli animali e la cura delle schede ad essi relative è stata curata da Paola Nicolosi, conservatrice del Museo di Zoologia dell’università di Padova.

estinzioni00

+++

3ebb9fec8b16d88b203e163400ce47b7

MOSTRA PITTURA, PAVIA, FINO AL 18 GIUGNO 2017

Una mostra antologica in 50 opere tra dipinti, sculture, disegni ed incisioni, che ripercorre la vicenda umana e creativa di Antonio Ligabue, uno degli autori più geniali del secolo scorso: Pavia la ospita fino al 18 giugno alle Scuderie del Castello Visconteo. Il percorso espositivo si snoda tra i due principali poli entro i quali si sviluppa l’universo creativo di Ligabue: gli animali, selvaggi (nella foto sopra) e domestici, e gli autoritratti. Tra i primi si trovano alcuni capolavori come “Leopardo che assale un cigno o Tigre reale” realizzato nel 1941 oppure la “Lepre nel paesaggio”, opera presentata per la prima volta in una mostra. Per quanto riguarda gli autoritratti, impressionante il numero: più di 170 su 870 opere catalogate nella sua carriera, dove Ligabue si colloca in primo piano quasi ad occupare tutto lo spazio della scena. Per tutta la durata della mostra, saranno in programma una serie di attività didattiche, con incontri e visite guidate gratuite per bambini e adulti. Una mostra “family-friendly”, l’hanno definita l’amministratore delegato di ViDi (società che collabora con Pavia dal 2005), Fabio Sanvito, e la  project manager Chiara Spinnato. Oltre ad un angolo per l’allattamento per le mamme, una sala didattica con accesso libero per le famiglie, un percorso dedicato ai più piccoli ed un kit didattico, all’interno delle Scuderie un’opera ad “altezza bambino” attenderà i giovani visitatori per un’esperienza tutta particolare. L’evento è organizzato da ViDi e curato da Sandro Parmiggiani, Sergio Negri e Simona Bartolena, in collaborazione con il Comune di Pavia e la “Fondazione Antonio Ligabue” di Gualtieri (Reggio Emilia), dove l’artista naif, nato a Zurigo, è morto nel 1965 all’età di 66 anni. La mostra è visitabile dal martedì al venerdì (10-13/14-18), sabato domenica e festivi dalle 10 alle 20.

+++

MOSTRA DINOSAURI, NAPOLI, FINO AL 5 NOVEMBRE 2017

Passeggiare nella riserva Wwf degli Astroni adesso è come fare un salto nel passato. Un salto nella preistoria. Fino al 5 novembre, agli Astroni arrivano i dinosauri della mostra ‘Dinosauri in Carne e Ossa’. La mostra evento a tema preistorico sbarca così a Napoli in una veste molto suggestiva e unica. L’esposizione si sviluppa su un percorso di oltre sei chilometri, lungo circa un paio d’ore, circondati dalla natura incontaminata e dai suggestivi interni della Torre Borbonica. Camminando si incontrano ricostruzioni di dinosauri a grandezza naturale di una quarantina di animali estinti tra cui dinosauri iconici come il temibile T-rex e il gigantesco Diplodoco. Mascotte della mostra è ‘Ciro’, cucciolo di dinosauro campano. “Con questa edizione napoletana della mostra – ha spiegato – Simone Maganuco, paleontologo e tra i curatori della mostra – abbiamo scelto di focalizzarci sul tema dell’estinzione, proponendolo nell’itinerario di visita, nell’attività didattica e negli eventi”. L’obiettivo dell’allestimento scelto è “coinvolgere i visitatori con un intrattenimento di qualità, appassionandoli alla scienza, alla paleontologia e alla storia della vita in tutte le sue forme”. La mostra è realizzata da GeoModel con la collaborazione di Wwf Oasi ed è promossa dall’associazione Paleontologica A.P.P.I. Oltre ad ammirare le riproduzioni di dinosauri, sarà possibile scoprire perché si sono estinti, comprendere la dinamica evolutiva adattamento/estinzione e la necessità di tenerne conto anche oggi nell’approccio dell’uomo verso la natura. “Una mostra di tale portata non può che avere obiettivi ambiziosi – ha concluso – Antonio Canu, presidente di Wwf Oasi – tra cui il contatto dei bambini con l’Oasi Wwf Cratere degli Astroni, un vero e proprio gioiello naturale a due passi dal centro città. Sarà l’occasione per molti di loro per scoprire una realtà nuova di cui Napoli può vantarsi”. La mostra è aperta il venerdì pomeriggio dalle 14 alle 18,30; il sabato, domenica e festivi dalle 9,30 alle 18.30.