Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
af1a7dab130fe9052d006598a28dfa6f

Agenda animale, gli appuntamenti del weekend del 21-22-23 aprile 2017

Per segnalazioni scrivere a 24zampe@ilsole24ore.com

+++

FESTA OASI LIPU, TUTTA ITALIA, DOMENICA 23 APRILE 2017

Una giornata dedicata ad ascoltare, osservare, vivere i ritmi lenti della natura attivando i cinque sensi: vista, udito, tatto, gusto e olfatto. E’ la proposta che la Lipu lancia per domenica 23 aprile con l’appuntamento annuale della Festa delle oasi e delle riserve, venti luoghi di natura protetta come boschi e paludi, coste e fiumi, laghi e colline. La Festa offrirà in tutta Italia visite guidate dallo staff e dai volontari della Lipu, per conoscere da vicino gli animali selvatici, le piante e i fiori; saranno inoltre attivati laboratori per i più giovani, corsi, pratiche di birdwatching, percorsi sensoriali, giochi e liberazioni di uccelli selvatici feriti o in difficoltà e curati dai centri di recupero dell’Associazione. Le liberazioni di uccelli si terranno nelle oasi o riserve di Arcola (La Spezia), Cesano Maderno (Monza Brianza), alla Garzaia Pederobba (Tv),  a Santa Luce (Pi), Massaciuccoli (Lu) e al Chm (Ostia, Roma). “Il nostro invito – spiega Danilo Selvaggi, direttore generale della Lipu – è di partecipare alla giornata ‘pensando’ con i cinque sensi, attivandoli pienamente come purtroppo in città facciamo sempre meno. Capacità di ascolto e osservazione possono permetterci di scoprire piccole meraviglie intorno a noi: nei boschi delle nostre oasi il picchio rosso maggiore, le cince e l’allocco, nella paludi le splendide marzaiole, nelle oasi di campagna il volo delle rondini”. La Festa della oasi e riserve Lipu rappresenta l’occasione per osservare il popolo migratore in piena fase di migrazione e di nidificazione: 250 specie tra cui aironi, rapaci diurni e notturni (nella foto sopra, un barbagianni), anatre e limicoli (per esempio sterne, cavalieri d’Italia, alzavole e moriglioni, picchio verde e sparviere). Tra queste anche specie rare o minacciate come l’airone rosso (Paludi Ostiglia) e la moretta tabaccata (Palude Brabbia), il capovaccaio e il lanario (Gravina di Laterza) o il falco della regina (Carloforte, Isola S.Pietro).

+++

c93-_j1xsaah8bd

MANIFESTAZIONE DIRITTI ANIMALI, ROMA, SABATO 22 APRILE 2017

Roma-Kiev-Varsavia: Uniti per gli animali. Domani, sabato 22 aprile, a Roma, in Piazza del Popolo dalle ore 14.00 alle 19.00, viene  organizzata una grande manifestazione a favore dei diritti tutti gli animali che si tiene in contemporanea anche a Kiev e a Varsavia, sotto l’hashtag per l’attività social #unitiperloro. Lo scopo di questo grande raduno è unire le forze e le voci di attivisti, di associazioni e movimenti animalisti provenienti da tutte le regioni italiane , e semplici cittadini per chiedere giustizia e rivendicare il diritto alla vita di tutti gli esseri viventi sfruttati e assassinati dall’essere umano. La manifestazione pacifica è organizzata da Andrea Cisternino, fotoreporter e attivista dei diritti degli animali, che nel 2014 ha aperto il Rifugio Italia a Kiev, un ostello per cani randagi. Migliaia di voci unite in un solo grido determinato ma pacifico, senza bandiere o appartenenze. Partecipa anche Paolo Bernini, parlamentare e portavoce del MoVimento 5 Stelle, vegano animalista, “per ribadire l’importanza dell’etica antispecista”, ha spiegato su twitter. L’evento radunerà tutti sotto un’unica bandiera: quella del “rispetto” incondizionato per la “vita di tutte le creature, siano esse umane o non umane, per dar voce a chi non ha voce e per risvegliare le coscienze di chi è indifferente”. “Non importa essere piccoli o grandi, – spiega un portavoce degli organizzatori – l’importante è parlare e dare voce ai nostri fratelli sfruttati, umiliati, torturati, ammazzati e abusati quotidianamente da una cultura che li considera oggetti e non esseri senzienti. Gli animali sono chiusi in camion, in macelli, in stabulari, dentro gabbie, dentro allevamenti intensivi, legati per tutta la loro vita a catena, non possono parlare e ribellarsi condannati a subire fino alla morte”. Per saperne di più, qui.

+++

AMICO GATTO, VIMERCATE (MI), OGGI

Oggi, venerdì 21 aprile, seconda sessione di incontri organizzata dall’associazione vimercatese. “Amico gatto Onlus”per parlare di gatti a tutto tondo. Ecco alcuni argomenti che verranno trattati. Buone regole veterinarie per mantenere in salute il proprio animale domestico. Sterilizzazioni e tutela dei nostri mici. Migliorare la vita dei nostri mici in casa??? Vaccinazioni, si o no? Trattamenti anti pulci? Quando e come! Come comunicare con loro! Aiuto! Sporca fuori dalla lettiera. Quando e quanto si annoia il gatto in casa? Inserimento di nuovi aMICI!!! Saremo grati se voleste diffondere questa iniziativa al vostro pubblico… In caso di pubblicazioni vi pregheremmo, se possibile, di informarci così da pubblicare link alla nostra pagina del nostro sito. www.amicogatto-onlus.org). Ovviamente ci farà piacere potervi avervi nostri ospiti per queste serate. (Comunicato)

+++

ORTI E POLLAI DI MONTAGNA, BARD (AO), DOMENICA 23 APRILE 2017

A 3 km dal Forte di Bard, provincia di Aosta, con una serie di iniziative correlate, domenica 23 aprile c’è un evento dedicato agli orti e pollai di montagna nel vicino Borgo di Donnas. E’ “Lou courtì e lou poulayé”, la manifestazione ideata in collaborazione dall’Amministrazione comunale di Donnas e dall’Assessorato dell’agricoltura e risorse naturali della Regione autonoma Valle d’Aosta, dedicata all’orto familiare e al pollaio. Tra le numerose iniziative e attività in programma vi saranno l’esposizione-mercato dei prodotti agroalimentari e da vivaio, delle macchine agricole e delle specie avicole a cura della Coldiretti Valle d’Aosta, nonché svariate attività didattico-informative sulla cura dell’orto, del pollaio e del mondo delle api. Si segnalano inoltre la novità degli Assaggi d’autore, degustazioni di prodotti DOP valdostani in collaborazione con Slow Food Valle d’Aosta e l’associazione Cuochi. Ampio spazio sarà dato anche alla parte culturale con la proposta da parte dell’Associazione Guide turistiche Valle d’Aosta  di passeggiate alla scoperta del territorio tra il Forte di Bard e il Borgo di Donnas, nonché con la possibilità per il pubblico presente alla manifestazione di visitare gratuitamente l’Ecomuseo della Latteria Turnaria di Treby e Confrérie du Saint-Esprit e l’Ecomuseo della vite e viticoltura. Altre info qui.

+++

b6b621e619a8d7d0f6d07b5486eeecf8

MODA ANIMALIER, TORINO, FINO AL 3 SETTEMBRE 2017

Aperta alla Reggia di Venaria, a Torino, la mostra “Jungle. L’immaginario animale nella moda”. La Versailles italiana si veste di animalier e ospita nelle sue sale un centinaio di abiti, vere opere d’arte, ideati dai più grandi stilisti al mondo. Dal primo stampato a pantera della storia della moda, ideato da Christian Dior nel 1947, molte fantasie zoomorfe si sono susseguite in passerella. Tra gli altri stilisti esposti si ricordano Hermes, Valentino, Ferragamo, Krizia, Givenchy, Ken Scott, Thierry Mugler, Jean Paul Gaultier e Cavalli. Fino al 3 settembre.Per saperne di più, cliccare qui. (nella foto sopra, Ansa, l’ingresso della mostra e, sotto, Veruschka, icona di stile degli anni ’60-70, bellezza rivoluzionaria che indossava capi animalier con una naturalezza tale da arrivare a sentirsi animale lei stessa. Sopra, fotografata da Peter Beard in Kenya nel 1966, è ricoperta di lucido da scarpe a formare una fantasia tigrata).

veruschka

+++

MOSTRA, PADOVA, FINO AL 26 GIUGNO 2017

Un modo diverso per scoprire gli animali: è la proposta dell’installazione artistica e del percorso di conoscenza della Natura e dei suoi protagonisti, animali e piante. È “Estinzioni. Storie di animali minacciati dall’uomo”, la mostra–evento che mette insieme le sculture dell’artista Stefano Bombardieri, autore del ciclo The Faunal Countdown (sopra e sotto alcune opere), con modelli realizzati ad hoc e animali tassidermizzati provenienti dal Museo di Zoologia e di Veterinaria dell’università di Padova, dalle collezioni di specie protette del Museo Cappeller e del Museo di Storia Naturale di Bassano del Grappa. Un racconto che vede al centro 34 animali collocati nel loro ambiente naturale, dalla foresta tropicale alla savana, dal bosco dei climi temperati alle aiuole del Mediterraneo fino ai deserti africani e del Centro America, che debbono, loro malgrado, temere l’uomo e le sue minacce. Tutti a grandezza naturale, tutti bellissimi, fieri e tutti a rischio di estinzione. L’esposizione padovana rappresenta la conclusione di un progetto di ricerca nazionale, coordinato da Telmo Pievani – evoluzionista e divulgatore – e promosso dall’università di Padova, in collaborazione con il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, il Muse-Museo delle Scienze di Trento e Fem2 di Milano Bicocca, finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Questa mostra completa idealmente il percorso avviato con “Estinzioni. Storie di catastrofi e altre opportunità”, allestita al Muse di Trento fino al 26 giugno, dedicata ai fenomeni delle estinzioni storiche. La selezione degli animali e la cura delle schede ad essi relative è stata curata da Paola Nicolosi, conservatrice del Museo di Zoologia dell’università di Padova.

estinzioni00

estinzioni01

+++

STORIA DELL’INNOMINABILE, ROMA, FINO AL 16 LUGLIO 2017

Una mostra interattiva al Bioparco di Roma su ‘La cacca: storia naturale dell’innominabile’ conduce il visitatore alla scoperta della sua utilità come fonte di cibo, mezzo di comunicazione, combustibile, materiale da costruzione,  fertilizzante, nascondiglio. Tra le attività previste “Una cacca per ogni stagione”: rossa, bruna, con i semi e senza semi, questa è l’innominabile dell’orso bruno, il più grande carnivoro italiano che per sopravvivere e riprodursi adotta strategie inimmaginabili (presso la Valle degli orsi). “Dimmi che mangi, ti dirò come la fai”. Crani, denti, borre e feci dalle forme e colori più disparati per rivelare usi e costumi delle diverse specie animali che popolano il nostro pianeta (presso l’area elefanti). “Dalla cacca alla carta”. Per scoprire che la cacca può anche contribuire a proteggere le specie in estinzione, come l’elefante asiatico. In che modo? Producendo carta realizzata con il 75% di sterco di questo affascinante pachiderma (presso l’area elefanti). “Nessuno lo dice, tutti la fanno”. Per tutto il giorno sarà possibile partecipare ad una visita guidata a tema tra orsi, cammelli, giraffe ed elefanti. “È lei o non è lei?”. Alla ricerca delle “cacche” più strane: da quella del pitone reale a quella del furetto, dall’insetto stecco  alla blatta soffiante del Madagascar, per scoprire che non sempre di feci si tratta. L’arte del camuffamento, tecniche e processi per sopravvivere. Mostra: “La cacca: storia naturale dell’innominabile” Bioparco di Roma – Sala degli elefanti Costo biglietto: tariffa unica € 2,00. Aperta dal mercoledì alla domenica e giorni festivi dalle ore 11.00 a chiusura parco. Fino al 16 luglio 2017. Info al 06.3608211 e qui.

+++

3ebb9fec8b16d88b203e163400ce47b7

MOSTRA PITTURA, PAVIA, FINO AL 18 GIUGNO 2017

Una mostra antologica in 50 opere tra dipinti, sculture, disegni ed incisioni, che ripercorre la vicenda umana e creativa di Antonio Ligabue, uno degli autori più geniali del secolo scorso: Pavia la ospita fino al 18 giugno alle Scuderie del Castello Visconteo. Il percorso espositivo si snoda tra i due principali poli entro i quali si sviluppa l’universo creativo di Ligabue: gli animali, selvaggi (nella foto sopra) e domestici, e gli autoritratti. Tra i primi si trovano alcuni capolavori come “Leopardo che assale un cigno o Tigre reale” realizzato nel 1941 oppure la “Lepre nel paesaggio”, opera presentata per la prima volta in una mostra. Per quanto riguarda gli autoritratti, impressionante il numero: più di 170 su 870 opere catalogate nella sua carriera, dove Ligabue si colloca in primo piano quasi ad occupare tutto lo spazio della scena. Per tutta la durata della mostra, saranno in programma una serie di attività didattiche, con incontri e visite guidate gratuite per bambini e adulti. Una mostra “family-friendly”, l’hanno definita l’amministratore delegato di ViDi (società che collabora con Pavia dal 2005), Fabio Sanvito, e la  project manager Chiara Spinnato. Oltre ad un angolo per l’allattamento per le mamme, una sala didattica con accesso libero per le famiglie, un percorso dedicato ai più piccoli ed un kit didattico, all’interno delle Scuderie un’opera ad “altezza bambino” attenderà i giovani visitatori per un’esperienza tutta particolare. L’evento è organizzato da ViDi e curato da Sandro Parmiggiani, Sergio Negri e Simona Bartolena, in collaborazione con il Comune di Pavia e la “Fondazione Antonio Ligabue” di Gualtieri (Reggio Emilia), dove l’artista naif, nato a Zurigo, è morto nel 1965 all’età di 66 anni. La mostra è visitabile dal martedì al venerdì (10-13/14-18), sabato domenica e festivi dalle 10 alle 20.

+++

PITTURA ANIMALISTA DEL ‘600, GENOVA, FINO AL 4 GIUGNO 2017

Opere meravigliose tra dipinti, disegni, incisioni e miniature, fanno riscoprire la straordinaria abilità tecnica e creativa di Sinibaldo Scorza, considerato il Durer genovese, ispirato dalla natura e dai racconti fiabeschi, in una grande mostra allestita fino al 4 giugno a Palazzo della Meridiana, nel centro di Genova. La rassegna, che si intitola “Sinibaldo Scorza (1589 -1631).  Favole e natura all’alba del Barocco” intende focalizzare la capacità dell’artista nato a Voltaggio, sulle alture dell’entroterra genovese, di trasporre sulla tela il racconto, partecipato e personale, di situazioni, atmosfere e ambienti. Accanto ai soggetti mitologici, come Circe e Orfeo (nella foto sopra “Orfeo incanta gli animali” di Paolo Airenti Fotografia, Genova), vi sono quelli in cui lo Scorza manifesta la propria passione per il mondo vegetale e animale, descritto con una qualità di dettagli che lo avvicina ad Albrecht Durer, Paul Brill o Jan Bruegel, ossia ai maestri fiamminghi che di certo l’artista aveva ammirato nelle collezioni genovesi del suo tempo e che quindi studiò e copiò. Altre informazioni qui.

Layout 1

+++

MOSTRA FOTOGRAFICA, BARD (AO), FINO AL 4 GIUGNO 2017

Il Forte di Bard ospita fino al 4 giugno l’anteprima italiana della 52esima edizione del Wildlife Photographer of the Year, il più prestigioso riconoscimento dedicato alla fotografia naturalistica indetto dal Natural History Museum di Londra. Le immagini sono esposte negli spazi delle Cannoniere. Una selezione di dieci scatti si può vedere qui sul sito del Sole 24 Ore. Il pubblico a Bard può ammirare un’emozionante gallery che ripercorre le 100 migliori fotografie naturalistiche scattate nel 2016, che testimoniano il lato più affascinante del mondo animale e vegetale. Tra di esse “Vite intrecciate” del fotografo americano Tim Laman (nella foto sotto) che ritrae, da circa 30 metri d’altezza, un orangotango del Borneo che si arrampica sul tronco di un albero “come una fuga simbolica dalla distruzione della foresta pluviale indonesiana”. In realtà, il giovane scimmione sale sul fico strangolatore del Gunung Palung National Park perchè ghiotto dei suoi frutti. Per avere uno scatto frontale del primate, il fotografo ha impiegato tre giorni a posizionare fotocamere GoPro, arrampicandosi lui stesso in cima all’albero con l’aiuto di un sistema di funi. Il premio per la categoria Giovani è andato al britannico Gideon Knight che ha immortalato la silhouette di un corvo e del sicomoro su cui riposa, “poetiche figure nere che si stagliano contro il profondo blu e la luna di un magico cielo notturno”. In mostra anche le foto vincitrici nelle sedici categorie del premio, selezionate da una giuria internazionale in base a criteri tecnici, artistici e interpretativi tra le quasi 50mila foto candidate e inviate da 96 Paesi di tutto il mondo. Tra gli autori degli scatti esposti anche molti italiani: Walter Bassi, Hugo Wassermann, Fortunato Gatto, Stefano Baglioni, Nicola Di Sario, Marco Colombo, Valter Binotto (vincitore categoria Piante e funghi) e Stefano Unterhiner. Altre informazioni qui.

01-tim-laman_wildlife-photographer-of-the-year_-grand-title-winner

+++

MOSTRA, ROMA, FINO AL 30 APRILE 2017

La civetta, enigmatico volatile notturno a cui si attribuiscono poteri magici, è la protagonista di una mostra ospitata dai Musei di Villa Torlonia, proprio nella Casina delle Civette, fino al 30 aprile. Tre civette sul comò. CivettArte, spiega nella splendida costruzione liberty, 67 opere realizzate per l’occasione, da altrettanti artisti provenienti, oltre che dall’Italia, da Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Iraq, Irlanda, Lussemburgo, Olanda e Spagna. Sono in mostra non solo dipinti e sculture, ma anche ventagli, aquiloni, gioielli, ricami, libri, video, abiti, cappelli, burattini, che intessono un dialogo continuo con gli elementi decorativi dell’edificio che ospita il Museo della vetrata Liberty e che deve il suo nome a quelle di Duilio Cambellotti dedicate alle civette. Attraverso le tecniche e i materiali più vari (vetrata, macramè, mosaico, video, cartapesta, affresco, bronzo, tessitura, legno, gesso, bronzo, olio su tela) gli artisti offrono la loro interpretazione del tema della civetta con uno sguardo ironico, incantato, surreale. Il titolo della mostra nasce sulla suggestione della filastrocca “Ambarabà ciccì coccò tre civette sul comò”, è curata da Stefania Severi e Maria Grazia Massafra. Dall’11 marzo, Giornata Europea della Civetta, Villa Torlonia ospita fino ad aprile, eventi, corsi, concerti e visite a Civettarte.

civette

+++

MOSTRA DINOSAURI, NAPOLI, FINO AL 5 NOVEMBRE 2017

Passeggiare nella riserva Wwf degli Astroni adesso è come fare un salto nel passato. Un salto nella preistoria. Fino al 5 novembre, agli Astroni arrivano i dinosauri della mostra ‘Dinosauri in Carne e Ossa’. La mostra evento a tema preistorico sbarca così a Napoli in una veste molto suggestiva e unica. L’esposizione si sviluppa su un percorso di oltre sei chilometri, lungo circa un paio d’ore, circondati dalla natura incontaminata e dai suggestivi interni della Torre Borbonica. Camminando si incontrano ricostruzioni di dinosauri a grandezza naturale di una quarantina di animali estinti tra cui dinosauri iconici come il temibile T-rex e il gigantesco Diplodoco. Mascotte della mostra è ‘Ciro’, cucciolo di dinosauro campano. “Con questa edizione napoletana della mostra – ha spiegato – Simone Maganuco, paleontologo e tra i curatori della mostra – abbiamo scelto di focalizzarci sul tema dell’estinzione, proponendolo nell’itinerario di visita, nell’attività didattica e negli eventi”. L’obiettivo dell’allestimento scelto è “coinvolgere i visitatori con un intrattenimento di qualità, appassionandoli alla scienza, alla paleontologia e alla storia della vita in tutte le sue forme”. La mostra è realizzata da GeoModel con la collaborazione di WWF Oasi ed è promossa dall’associazione Paleontologica A.P.P.I. Oltre ad ammirare le riproduzioni di dinosauri, sarà possibile scoprire perché si sono estinti, comprendere la dinamica evolutiva adattamento/estinzione e la necessità di tenerne conto anche oggi nell’approccio dell’uomo verso la natura. “Una mostra di tale portata non può che avere obiettivi ambiziosi – ha concluso – Antonio Canu, presidente di WWF Oasi – tra cui il contatto dei bambini con l’Oasi WWF Cratere degli Astroni, un vero e proprio gioiello naturale a due passi dal centro città. Sarà l’occasione per molti di loro per scoprire una realtà nuova di cui Napoli può vantarsi”. La mostra è aperta il venerdì pomeriggio dalle 14 alle 18,30; il sabato, domenica e festivi dalle 9,30 alle 18.30.