Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
scala_pesci

Inaugurata sul Po la “scala per pesci”, ora storioni e anguille possono superare la diga

AGGIORNAMENTO DEL 23 MARZO 2017 IN CODA – LE FOTO “VERE” DELL’IMPIANTO

+++

POST ORIGINALE DEL 18 MARZO 2017

Una “scala” fatta di vasche e chiuse, per permettere a storioni e anguille di superare una diga sul Po e di tornare a muoversi tra il fiume e il mare. E’ quella che è stata inaugurata oggi a Monticelli d’Ongina, in provincia di Piacenza. Si tratta di un corridoio ecologico, con vasche ampie cinque metri a fare da gradino, che permette di superare la barriera rappresentata per oltre 50 anni dalla Diga di Isola Serafini e della sua centrale idroelettrica Enel, nel tratto tra Piacenza e Cremona, lungo la sponda emiliana del fiume. La “scala di risalita” permetterà a storioni, anguille e cheppie di ripopolare tutto il corso del Po. Questi pesci per vivere e riprodursi hanno bisogno di spostarsi dal mare ai fiumi e viceversa. Ma finora, arrivati a Isola Serafini si fermavano lì. Oggi invece potranno colonizzare anche il corso superiore del fiume. Il primo impianto di questo tipo in Italia risale al 1891, sul Ticino a Sesto Calende, per superare lo sbarramento della diga sul Canale Villoresi. L’impianto di Monticelli è stato realizzato nell’ambito del progetto europeo ‘Life Con-flu-po’ (Connettività fluviale fiume Po) ed è costato 7 milioni di euro, di cui quasi il 50% arriva dall’Ue. La Regione Emilia-Romagna ha messo a disposizione oltre 2 milioni attraverso Aipo (l’Agenzia interregionale per il fiume Po) per l’impianto, il più grande con queste caratteristiche in Italia e uno dei più importanti d’Europa. Sarà avviata un’azione di monitoraggio, in particolare nell’area del Delta, per verificare il ripopolamento e gli effetti sull’ecosistema. (la foto della “scala per pesci” è americana e d’archivio)

+++

AGGIORNAMENTO DEL 23 MARZO 2017 – LE FOTO “VERE” DELL’IMPIANTO

Ricevo e pubblico volentieri le foto “vere” della scala per pesci, scattate da un lettore 14enne di 24zampe, Giorgio Bovolini (con l’autorizzazione della mamma, Giovanna Cabrini, e del papà). La foto sopra era stata presa da un archivio pubblico, rende l’idea ma è un impianto americano. Quelle sotto, invece, sono del nuovo impianto sul Po, a Monticelli d’Ongina (Pc).

img-20170319-wa0005

img-20170319-wa0007

img-20170319-wa0010

img-20170319-wa0012

img-20170319-wa0013

img-20170319-wa0015

img-20170319-wa0016

 

  • Guido Minciotti |

    Purtroppo non sono riuscito a trovare un’immagine dell’opera. Se lei ne ha una che giudica adatta (e che sia libera da diritti, cioè gratis) me la mandi e, se di mio gradimento, la utilizzo di sicuro. Grazie di leggere 24zampe, saluti gm

  • Francesco |

    Foto d archivio, ma che senso ha??

  Post Precedente
Post Successivo