Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
REFILE - CORRECTING SPELLING OF BIRD BREED
A group of Common Cranes gather in dawn light, on their night-roost on a lake in the German state of Brandenburg, close to Berlin September 26, 2009. From September to November tens of thousands of Cranes use the rural area close to the German Capital for a stopover during their migration from Scandinavia and Eastern Europe to their wintering quarters in Spain. The agricultural plains surrounding Berlin are among the biggest Crane roosts in entire Europe with several tens of thousands birds gathering during the peak of migration between September and November. Picture taken September 26, 2009. REUTERS/Thomas Krumenacker  (REUTERS ANIMALS IMAGES OF THE DAY)

La Commissione Ue salva le direttive Habitat e Uccelli e rilancia: “Ora vanno migliorate”

Le direttive europee Habitat e Uccelli non verranno modificate nè riscritte ma anzi conservate e meglio applicate. Lo annuncia la Commissione Ue, che le reputa “vitali per le politiche europee di conservazione della natura e, in quanto tali, la loro attuazione deve essere migliorata”. Sono le conclusioni cui giunge l’organo di governo europeo, a chiusura dell’approfondita valutazione dei due provvedimenti cominciata alla fine del 2014 con la consultazione di tutti gli attori europei. Soddisfazione dal mondo dell’associazionismo ambientalista e animalista. I risultati sono stati presentati dai vicepresidenti Frans Timmermans e Jirky Katainen e dal Commissario per l’ambiente, gli affari marittimi e la pesca Karmenu Vella, che hanno annunciato il lancio di un piano d’azione che indicherà una serie di misure concrete – tra cui incontri regolari con gli amministratori locali – per aiutare gli stati membri a compiere le correzioni necessarie. Le problematiche emerse durante il cosiddetto “Fitness check” delle due direttive sono legate principalmente alla mancanza di adeguati investimenti nella rete di siti protetti Natura 2000, ai ritardi e agli inutili ostacoli burocratici per l’avvio di progetti. In sostanza, ha scritto la Commissione in una nota, la valutazione ha identificato “la necessità di migliorare la messa in atto delle Direttive e la loro coerenza con gli obiettivi socio-economici più ampi, comprese le altre politiche europee come l’energia, l’agricoltura e la pesca”.