Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
AFP_GC0XG

La Francia vuole le telecamere obbligatorie nei macelli contro le sofferenze degli animali

AGGIORNAMENTO DELLE 16 – CODACONS CHIEDE TELECAMERE ANCHE IN ITALIA

Installare telecamere in ogni mattatoio in tutte le zone ‘critiche’, dove gli animali vengono condotti verso le aree dove saranno macellati. È una delle 65 proposte contenute nel rapporto della commissione parlamentare d’inchiesta francese sulle condizioni all’interno dei macelli, un rapporto che il Codacons riferisce di “condividere” e per questo “chiede lo stesso intervento anche in Italia”. Per il presidente dell’associazione dei consumatori, Marco Maria Donzelli, “i controlli e la trasparenza all’interno dei mattatoi sono insufficienti” ed è “necessario adottare provvedimenti d’urgenza subito”. Il Codacons riferisce inoltre di aver inviato la richiesta al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, per “adottare i dovuti interventi al fine di aumentare la sicurezza e la certezza del trattamento degli animali“.
+++

POST ORIGINALE

Telecamere obbligatorie nei macelli e introduzione di una forma di stordimento compatibile con la macellazione rituale di ebrei e musulmani: queste sono solo alcune delle proposte presentate dai deputati francesi per ridurre la sofferenza degli animali destinati a diventare “carne da macello”. Una commissione di inchiesta parlamentare era stata costituita in Francia dopo la diffusione di una serie di video choc girati dall’associazione animalista L214. Ne avevamo scritto qui su 24zampe, linkando il video. Al termine di sei mesi di lavori i suoi membri hanno avanzato 65 proposte per migliorare la trasparenza e i controlli nei macelli. Propongono così di rendere obbligatoria l’installazione di telecamere là “dove animali vivi vengono manipolati”, di creare un comitato nazionale di etica e di reclutare più agenti nei servizi veterinari per rafforzare i controlli. La commissione si è anche occupata a lungo delle pratiche di macellazione rituali. Ebrei e musulmani sono autorizzati a sgozzare animali vivi in deroga alla legge per la macellazione kosher e halal. L’associazione L214 ha giustamente lanciato oggi una petizione in cui sollecita il governo a “vietare la macellazione degli animali senza stordimento” e ha diffuso nuove immagini realizzate durante la festa musulmana del Sacrificio, l’Eid-al-adha. Ne abbiamo scritto anche su 24zampe, qui. (foto Afp/Xavier Leoty)

  • Luigi Curatola |

    A proposito della deroga rilasciata ad ebrei e musulmani,mi ha meravigliato la motivazione che mi sembra ammettesse che lo sgozzamento non era fatto per crudeltà ma per motivi religiosi: sicuramente un grande sollievo per le povere bestie!
    Sarebbe ora che chi si trasferisce in Europa capisca che certe usanze barbare,religiose o meno,NON SONO PERMESSE.

  Post Precedente
Post Successivo