Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ecco Bei Bei, il panda gigante nato a Washington che compie 5 mesi

Giant panda cub Bei Bei, seen through glass, roams in his pen at the National Zoo in Washington, Saturday, Jan. 16, 2016. The cub, born Aug. 22, made his public debut Saturday, though zoo members have been able to see him since Jan. 8. (AP Photo/Jose Luis Magana)

AGGIORNAMENTO DEL 26 NOVEMBRE 2016

Ricoverato e operato a Washington il panda gigante Bei Bei, attrazione dello Smithsonian National Zoo della capitale Usa. Ora sta bene. Il cucciolone, che ha un anno e tre mesi, aveva una “massa di bambù grande come un limone” incastrata nel tratto digerente, che ha richiesto l’emergenza chirurgica. Il bambù è il cibo preferito dei panda giganti. Già da giovedì, giorno del Ringraziamento, Bei Bei aveva mal di stomaco e nausea e dormiva troppo. Dopo l’intervento “la prognosi è molto buona”, dice Dennis Kelly, direttore dello zoo.

+++

POST ORIGINALE

Pochi giorni prima di compiere cinque mesi, il cucciolo di panda gigante Bei Bei dello zoo di Washington ha mosso i suoi primi passi in pubblico. Fino ad oggi il piccolo, nato il 22 agosto scorso (ne abbiamo scritto qui), era visibile solo tramite la «Panda Cam» che ha permesso a migliaia di persone di vederlo in diretta aprire gli occhi, tenersi sulle zampe o con sua madre Mei Xiang. Secondo un fotografo dell’Afp, svariate decine di persone hanno atteso pazientemente l’apertura delle porte per poter vederlo in carne e ossa.

I veterinari avevano abituato il cucciolo progressivamente alla presenza umana, facendo venire dei piccoli gruppi di dipendenti dello zoo e dei giornalisti. A fine settembre aveva ricevuto la visita delle first lady cinese Peng Liyuan e americana Michelle Obama, che per l’occasione avevano svelato il suo nome. Bei Bei significa «prezioso» in mandarino. Come la sorella Bao Bao, e il fratello maggiore Tai Shan, Bei Bei sarà restituito alla Cina quando avrà quattro anni. I genitori Mei Xian e Tian Tian resteranno invece a Washington almeno fino al 2020 in virtù di un accordo con Pechino rinnovato di recente.